giovedì 25 giugno 2015 redazione@sora24.it

Massimiliano Bruni replica a Tersigni: «Il Sindaco è politicamente raccapricciante»

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma di Massimiliano Bruni.

«Solerte il Sindaco nella risposta sorprende; in quest’ultimo periodo la sua celerità nel voler difendere a ogni costo il proprio operato amministrativo è oramai talmente fallimentare che per molti è già stata definita la peggiore amministrazione di sempre. Nei tanti consigli comunali che ho seguito l’idea che mi sono fatto, particolarmente del sindaco e di alcuni suoi assessori e consiglieri, è ben chiara: li reputo profondi conoscitori del diritto privato ma meno di quello amministrativo.

Molti ora penseranno che mi riferisco alle faccende “personali” che hanno, purtroppo, riguardato alcuni dei suoi più stretti consiglieri comunali in primis Costantini, Meglio ecc. ecc. Ebbene non mi riferisco a queste note-pietose vicende semmai l’apprezzamento è dettato osservando solo l’operato fin qui svolto.

E’ raccapricciante come il Sindaco voglia distorcere la realtà dei fatti politici, di come nacque la sua candidatura nel 2011 avvenuta in un contesto di un PDL frammentato per suo volere, per poi chiederne un finto commissariamento e farsi immediatamente nominare candidato a sindaco giungendo a una trattazione (vice sindaco, presidenza dell’Ambiente e smentisca se non è vero !) con l’anima fioritiana di cui Di Carlo era uno dei suoi maggiori riferimenti.

Sarà il primo caldo o lo stress dovuto all’attività amministrativa, ora concentrata più che mai sull’appalto milionario riguardante la pubblica illuminazione, tanto è che il sindaco distorce ogni ragionamento proveniente da chi non è allineato dalla sua parte.

Nel merito, ribadisco nuovamente che sin dal 2011 si poteva anticipare la determina n. 311 del 24.12.2013 proprio perché la L. 267/2000 (Testo Unico Enti Locali) e le leggi finanziarie sono intervenute sulla modalità di gestione dei servizi pubblici locali per il tramite di società a partecipazione pubblica per infine giungere alla codificazione della gestione in house, il tutto per contenere appunto “i costi della pubblica amministrazione”.

Anticipando tale scelta, ripeto, oltre a un corposo risparmio economico non avremmo assistito a delle sceneggiate infruttuose tra l’assessore D’Orazio e l’ex presidente dell’Ambiente Tersigni in virtù di quello che sospettai tempo addietro un conflitto di potere politico e amministrativo facendo,nei fatti, venir meno quel controllo così detto analogo su un settore nevralgico per una città come Sora».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
gli articoli più letti