20 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 347 VOLTE

MATURITÀ: PER LA PROVA DI ITALIANO MONTALE, GIOVANI, CRISI E SHOAH

ROMA (ITALPRESS) – “Ammazzare il tempo” di Eugenio Montale per l’analisi del testo, per il saggio breve il labirinto nell’ambito artistico-letterario, i giovani e la crisi per l’ambito socio-economico, bene individuale e bene comune per il socio-politico, le responsabilita’ della scienza e della tecnologia per il tecnico-scientifico. Queste alcune delle tracce per la prova di Italiano dell’esame di maturita’ rese note dal ministero dell’Istruzione.
Per il tema di ordine storico la traccia prende spunto da un testo di Hannah Arendt e chiede agli studenti di soffermarsi “sullo sterminio degli ebrei pianificato e realizzato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale”.
Infine, il tema di ordine generale propone una riflessione di Paul Nizan (“Avevo vent’anni. Non permettero’ a nessuno di dire che questa e’ la piu’ bella eta’ della vita”) per discutere problemi, sfide e sogni delle nuove generazioni.
Sono 497.310 gli studenti italiani che stamani hanno iniziato l’esame di maturita’. Gli studenti che frequentano le quinte classi superiori sono 473.366, i privatisti 23.944, e saranno esaminati da 12.361 commissioni. Dai dati resi noti dal Miur, la percentuale degli ammessi all’esame e’ del 94,4%, i non ammessi, di conseguenza il 5,6%.
Quest’anno per la prima volta l’invio delle tracce delle prove scritte e’ avvenuto per via telematica e non attraverso i fascicoli cartacei. L’iniziativa, dal nome “Plico telematico”, rientra nel progetto di semplificazione e modernizzazione della scuola promosso dal ministro Francesco Profumo. Oltre che tramite il sito del ministero, stamani e’ stato diffuso dal Tg1 il secondo codice di accesso che serviva a “decriptare” le tracce per il primo scritto. Abbinandolo a quello gia’ in loro possesso le commissioni d’esame hanno potuto “scaricare” i temi da proporre ai maturandi. La seconda prova scritta si svolgera’ domani.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu