10 settembre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.156 VOLTE

MONDIALI DI TIRO AL PIATTELLO – A Pinhal ottimi risultati per gli Azzurri del C.T. Sandro Polsinelli

Alle ore 22, le 23 in Italia, del 9 settembre 2012 è terminato, sulle pedane di Pinhal, il 30mo Campionato del Mondo di Tiro al Piattello, specialita’ Fossa Universale. 11 nazioni e 419 tiratori.

La manifestazione, bellissima ed entusiasmante, si è svolta in quattro giornate ed ogni partecipante ha “sparato” otto serie di 25 piattelli ciascuna per un totale di 200 bersagli. I risultati sono stati sbalorditivi fin dall’inizio con pochissimi “zeri”. Alla fine primeggiava un solo 198/200 su undici 197/200. Lo “spareggio” per l’assegnazione della medaglia d’argento è stato effettuato ad un colpo solo ed è stato, comunque, lunghissimo. Enrico Moraglia, Luigi Viscovo ed un tiratore del Guadalupe hanno totalizzato un ulteriore 25/25, per un totale di 222/225. Allo shoot off ha vinto Enrico Moraglia per la classifica generale e Luigi Viscovo per la qualifica senior. Questa la situazione generale: Oro a squadre per la qualifica Lady e Master. Oro individuale per la qualifica Junior. Argento individuale per la qualifica senior e bronzo per le qualifiche Master e Lady. Coppa del mondo d’oro alla Lady Bianca Revello ed allo Junior Enrico Moraglia, d’argento al Master Giorgio Ravera e di bronzo alla Lady Roberta Pelosi ed al Master Marco Vaccari. Gran bottino, 8 medaglie, 3 d’oro, 2 d’argento, 3 di bronzo e 4 coppe del mondo + 1)! Gara stupenda, anche se logorante e difficile. Caldo intenso e vento forte hanno disturbato non poco la capacità di concentrazione e la resistenza fisica ma eravamo preparati a sopportare, con impegno e convinzione, qualunque avversità. Tutti i componenti della spedizione azzurra hanno dato il massimo ed il risultato finale ha “ripagato” i sacrifici sostenuti nei mesi di preparazione. Personalmente ringrazio gli atleti per avermi regalato sensazioni indescrivibili. La squadra e’ stata particolarmente unita ed il comportamento esemplare, nel pieno rispetto del codice etico sportivo. “Il momento piu’ bello, anche perche’ inaspettato, l’ho, comunque, vissuto quando mi è stata consegnata, accompagnata dall’Inno d’Italia, la Coppa del Mondo di Cristallo del Coach. Dopo tanti anni trascorsi sui campi di tiro a volo non avrei mai immaginato di vivere un’emozione così intensa. Non riesco a crederci, sono commosso al punto da non riuscire a trattenere le lacrime”. Un grazie di cuore a tutti gli amici, sportivi, e non, che ci hanno sostenuto ed a quanti hanno partecipato e contribuito alla realizzazione di un sogno.

Infine, e non ultimo, un ringraziamento particolare alla redazione di sora24 che ci è stata sempre vicina permettendoci di diffondere in tempo reale le notizie e gli aggiornamenti. A presto

Commenti

wpDiscuz
Menu