8 gennaio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 232 VOLTE

Mostra Jacopo Cardillo prolungata fino al 31 Gennaio 2013. Finora registrate più di 3.000 presenze

Domenica, 6 Gennaio 2013, si è conclusa con grandissimo successo la prima personale di scultura di Jacopo Cardillo, organizzata da Mauna Loa con il Patrocinio del Comune di Sora e promossa dall’Associazione Culturale Sothis, presso il Museo della Media Valle del Liri di Sora. La numerosa partecipazione, che ha registrato più di 3.000 presenze, e la larga approvazione della cittadinanza ha condotto l’organizzazione, in accordo con l’Amministrazione Comunale, a decidere di prorogare la Mostra fino al 31 gennaio 2013, dando così l’opportunità di organizzare altre attività e di vedere o rivedere le opere esposte.

La Mostra è stata inaugurata il 20 Dicembre, con grande successo, alla presenza di Vittorio Sgarbi, per l’occasione si è registrata anche la partecipazione di importanti rappresenti politici e dell’ambiente culturale nazionale, come la Dott. ssa Maria Teresa Benedetti, importante storico dell’arte che segue Jacopo con grande attenzione.

L’esposizione ha previsto anche la presenza di diversi appuntamenti musicali, che hanno accompagnato gli spettatori durante la visita della Mostra; tali eventi hanno visto protagonisti eccellenti musicisti che hanno omaggiato Jacopo con performance di vario genere che hanno ottenuto ampi consensi: dall’esecuzione di un repertorio di musica classica proposto dal Maestro Giovanni Valle e successivamente da Daniela Lecce e Vincenzo de Palo (duo di Viola e Violino), alla particolare esibizione di Renzo Vitale, “Live Soundscape”, performance musicale che ha “raccontato” con originalità, attraverso suoni e luci, le opere di Jacopo.

Il percorso espositivo ha lo scopo di presentare un artista poliedrico: non solo un abile scultore, ma anche un musicista, un cantante e un compositore, che grazie al suo talento da forma alla materia come alla musica con il fine di esprimere la propria creatività in modo libero. Un altro degli obiettivi della mostra, è di avvicinare e sensibilizzare le persone all’arte e alla cultura proponendo artisti originari del nostro territorio, che ormai sempre in più occasioni si dimostra fertile e ricco di interessanti personalità e “Nuova Arte”.

Commenti

wpDiscuz
Menu