17 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 131 VOLTE

MOTOMONDIALE: GP GRAN BRETAGNA. LORENZO INCONTENIBILE, ROSSI SOLO NONO

SILVERSTONE (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Incontenibile Jorge Lorenzo. Il mallorchino della Yamaha Factory Racing, partito dalla seconda fila con il quarto tempo, ha subito messo in chiaro sui veri valori in pista e, dopo un esaltante duello con Casey Stoner ha preso la testa della corsa senza lasciarla piu’ fino all’abbassarsi della bandiera a scacchi. A Silvestone, il leader del mondiale centra il quarto successo di fila, il terzo di fila dopo quelli di Le Mans e Barcellona, accumulando altri cinque punti di vantaggio sull’australiano della Honda. Il campione del mondo, aveva montato una morbida davanti ed ha puntato su questo per avere una maggiore aderenza nel corso del bellissimo duello con il pilota della Yamaha, uscendone comunque perdente. Alla fine si è accontentato del secondo posto a 3“313, dovendosi anche guardare dall’attacco portatogli all’ultimo giro dal compagno di team Dani Pedrosa. Alvaro Bautista con la Honda del team di Fausto Gresini corona un bellissimo weekend che lo ha visto ottenere la pole position con un quarto posto che forse vale un podio, visto che si è classificato a soli 5” da Lorenzo. Dopo un inizio molto scoppiettante, Ben Spies ha chiuso in quinta posizione a undici secondi e mezzo dal compagno di squadra. Quatto secondi piu’ indietro sesto posto per un grintosissimo Cal Crutchlow. Il pilota di casa, partito 20°, qualificato con il tempo delle prove libere, ha gareggiato con delle infiltrazioni di antidolorifico per sopportare i postumi della caduta di ieri che non gli ha permesso di partecipare alle qualifiche. In sella alla sua Monster Yamaha Tech 3 ha infilato una serie incredibile di sorpassi che l’hanno portato ben presto a ridosso dei primi, superando in classifica generale il compagno di squadra Andrea Dovizioso, caduto mentre era in lotta con Pedrosa per il podio. Il britannico è ora quarto a quota 66 punti contro i 60 di Dovizioso. Settimo posto per Nicky Hayden con la prima delle Ducati. Il ragazzo del Kentucky ha rischiato tantissimo, cercando di rimanere incollato al gruppo dei primi, ma poi è stato costretto a chiudere un po’ la manetta, facendosi passare anche da Crutchlow. Ottavo posto per Stefan Bradl con la Honda LCR, mentre Valentino Rossi, su una GP12 per lui inguidabile – gli scivolava molto dietro – è finito nono a 36” abbondanti da Lorenzo. A chiudere la top ten la Ducati “sat” del Pramac racing di Hector Barbera. Prima delle CRT la ART Power Electronics Aspar di Aleix Espargaro, undicesimo a 1“3 dal vincitore. Alle sue spalle il compagno di squadra Randy De Puniet e la FTR del team San Carlo Gresini di Michele Pirro. Ritirato a sei giri dalla fine Mattia Pasini (ART Speed Master).

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu