CONTATTA LA NOSTRA REDAZIONE
sabato 30 gennaio 2016

Nasce il nuovo Regolamento Edilizio del Comune di Sora, ecco come sarà

«L’obiettivo è ridurre la burocrazia, snellire gli strumenti urbanistici, ridurre costi e tempi delle procedure edilizie, verificando e promuovendo l’attuazione delle misure di semplificazione. Il Comune di Sora promuove la semplificazione amministrativa e una minore burocrazia nel rapporto tra cittadino e istituzioni, in risposta alle esigenze del territorio e della comunità locale.

Dopo aver scrupolosamente redatto il PUGC nel segno della sostenibilità e della semplificazione, ci si avvia alla stesura di un nuovo regolamento edilizio, coniugando le istanze avanzate da cittadini, professionisti, rappresentanti del settore delle costruzioni edili, civili e produttive. Nei prossimi giorni verrà emanato un bando pubblico per instaurare una consulta per la redazione del regolamento edilizio.

Il nuovo regolamento sarà frutto di un percorso di concertazione che coinvolgerà tecnici locali per dare risposte alle istanze avanzate da loro stessi e dai cittadini in termini di semplificazione amministrativa. Questo è un obiettivo prioritario che stiamo portando avanti in maniera concreta su diversi fronti, a partire dall’urbanistica, coinvolgendo tutti i soggetti interessati.

Si vuole snellire una burocrazia che troppo spesso rallenta e irrigidisce i rapporti fra istituzioni e cittadino. Le modifiche al regolamento edilizio, che andranno approvate dal consiglio comunale, procederanno in questa direzione, con un aggiornamento dei contenuti, il recepimento delle nuove normative e la semplificazione di interventi urbanistici finora eccessivamente complessi. Ogni azione, tuttavia, manterrà invariata l’attenzione su sostenibilità ambientale, tutela e valorizzazione del nostro territorio, elementi che caratterizzano la nostra identità e attività amministrativa”.

Nella stesura del nuovo regolamento edilizio verranno affrontate diverse questioni: risparmio energetico, riuso del patrimonio edilizio esistente; distanze minime dei manufatti privi di rilevanza edilizia, come arredi da giardino o piccoli manufatti; interventi di demolizione e ricostruzione; recupero dei sottotetti; la possibilità di realizzare ascensori nei condomini in deroga alle misure standard, ma nel rispetto comunque dei parametri di sicurezza. Di non secondaria importanza il metodo di lavoro seguito.

Semplificazione, efficienza, sostenibilità e innovazione sono le chiavi di volta per riqualificare sia il territorio che il patrimonio edilizio e spingere il settore delle costruzioni fuori dalla crisi. Spesso le regole frenano gli interventi e di conseguenza lo sviluppo, ora bisogna necessariamente continuare questo percorso per dare una prospettiva di uscita dalla crisi».

Giovanni Enrico Celli Catarinelli

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
CLICCA QUI E RISPONDI AL SONDAGGIO
Menu
Ciociaria24