5 dicembre 2013 redazione@sora24.it
LETTO 482 VOLTE

Nella Diocesi di Sora-Aquino-Pontecorvo l’8 dicembre si celebra la Giornata del Seminario

Domenica 8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione, si festeggia la “Giornata Diocesana pro-Seminario”. Questa ricorrenza ha un significato particolare per il nostro Seminario in quanto, da data immemorabile, la Vergine Immacolata è sua titolare e patrona.“Oggi il Seminario diocesano, afferma il rettore,don Giovanni De Ciantis, forte della sua plurisecolare esistenza, risalente fin dal 1565,  sospinto dalla forza, dall’entusiasmo e dalla preghiera del vescovo,mons. Gerardo Antonazzo, continua la sua nobile opera di “formazione umana, culturale e spirituale di adolescenti e giovani, proponendosi come Centro di discernimento e orientamento vocazionale, in cui i giovani possano vivere ‘a tu per tu’ con Dio e con se stessi, per cogliere la vocazione che portano nel cuore”. In particolare, in questa giornata, continua don Giovanni, l’invito per i Sacerdoti, le Comunità Religiose, le Associazioni e i Movimenti e per tutti i fedeli è di pregare per il Seminario, i seminaristi e le vocazioni al sacerdozio ministeriale; riflettere sul ministero sacerdotale anche attraverso la testimonianza della propria vocazione: tutti noi, nella vita, abbiamo incontrato sacerdoti e abbiamo ricevuto i doni del loro ministero; aiutare il Seminario anche con il contributo economico attraverso la raccolta di offerte; amare la comunità del Seminario da cui avremo i sacerdoti di domani. Rivolgo un invito a tutti, conclude il rettore, per richiamare l’importanza della Vocazione al sacerdozio e alla vita consacrata attraverso il fiat di Maria”.Per l’occasione, il vescovo Gerardo ha scritto un profondo messaggio ed una accorata preghiera dal titolo “Con Maria, apriamo il cuore a Dio”. Questo il testo:

Carissimi, nella festa dell’Immacolata celebriamo l’iniziativa sorprendente di Dio nella vita di Maria. Nella rivelazione di Dio a Nazareth, Maria comprende che il Signore ha già fatto in lei grandi cose, sin dal suo concepimento, preservandola dal peccato. E’ proclamata “piena di grazia”! Il silenzio religioso del suo cuore è riempito dalla voce dell’angelo Gabriele, il suo raccoglimento interiore è abitato dalla rivelazione del Mistero, la sua solitudine domestica è ricolmata della compagnia dell’Altissimo. L’amore dell’Assoluto riscalda il cuore di questa giovane donna, e chiede il suo “Eccomi”: Dio conosce il cuore di Maria, puro e umile, e sa di potersi fidare di lei. Il Signore ha voluto avere bisogno della sua creatura, e chiede a Maria di collaborare con Lui, perché si compia il suo straordinario progetto, cioè l’incarnazione del Figlio, Gesù Cristo. Dio non finisce mai di sorprendere, e la sua parola ci raggiunge nei modi in cui spesso non immaginiamo. Questa è la bellezza della sua libertà, di fronte alla quale i nostri “perché” non possono frenare le sue intenzioni. Dio sceglie e chiama coloro che conosce e ama, al di là di ogni calcolo e di ogni merito. Anche Dio ha le sue “preferenze”, ma a differenza del nostro modo di preferire, Lui lo fa non per

se stesso, non per egoismo né per la propria gratificazione, ma per il servizio e l’amore degli uomini. Dio ha preferito Maria, sin dall’inizio della sua esistenza: ogni vocazione è segno di un amore privilegiato. Essere preferiti non significa essere meritevoli. Il vangelo ci dice in modo essenziale che Gesù “chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli – perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.” (cfr. Mc 3,13-15). Chi da Lui è scelto, perché preferito, è coinvolto nella grande missione di salvezza a favore dell’umanità.

Il Signore agisce così sempre: anche oggi guarda con amore di predilezione i giovani che Lui chiama a seguirlo. L’iniziativa è di Dio: è questa la pace che deve illuminare l’animo di chi, di fronte alla chiamata del Signore, prova confusione o paura. Se è il Signore a volerlo, perché non rispondere con la stessa fiducia di Maria? Se il Signore vuole rendermi felice chiamandomi a diventare suo discepolo, perché resistere? Se il Signore ha deciso di fidarsi di me, e di contare sulla mia fragile umanità, perché avere dubbi? Se la mia storia diventa singolare, perché recalcitrare? Quando gli altri non condividono le nostre scelte, non significa rimanere soli, ma diventare unici! Il mio invito accorato è soprattutto per voi giovani: sappiate provare l’ebbrezza della libertà interiore, uscite fuori dai modelli scontati di comportamento, non siate schiavi della cultura del provvisorio e del piacere che soddisfa, non soffocate la “novità” della voce della vostra coscienza con cui il Signore invita alla sua sequela. Ai giovani dico ancora di svincolarsi con tutta la loro forza dal vortice pernicioso delle mode e dei clichè imposti, dei calcoli materiali, delle comodità; e li invito piuttosto ad amare la bellezza della vita, che può diventare grande solo se condivisa con Dio: “Per questo mi hai dato la vita, perché io fossi tuo compagno di volo. Insegnami allora a librarmi con Te perché vivere non è trascinare la vita, non è strapparla, non è rosicchiarla: … vivere è stendere l’ala, l’unica ala, con la fiducia di chi sa di avere nel volo un partner grande come Te” (don Tonino Bello). Cari giovani, il Signore continua ad avere bisogno delle vostre energie migliori per parlare al mondo con le parole del suo Vangelo, per guarire le coscienze ferite con la sua tenerezza, la misericordia e il perdono, per saziare la fame di felicità e di speranza con il cibo del suo vero corpo e sangue, alimento indispensabile per una vita piena di eternità. E a voi, genitori, amate i vostri figli con il cuore di Dio. Educare, cari genitori, significa favorire il gusto interiore delle scelte belle, impegnative ed esaltanti. Solo così la vita non rischia l’etichetta del “vuoto a perdere”, ma guadagna l’applicazione del vero sigillo di garanzia. Come avete collaborato con Dio nel pro-creare la vita dei figli, così voi Genitori continuate a collaborare con la volontà di Dio nel favorire la realizzazione dei loro progetti. Dio traccia con amore la strada della felicità: scoraggiare o impedire le scelte dei figli, è non amare la loro vita , è non volere il loro bene, sedotti più dal nostro egoismo che dalla loro gioia. Oggi, per tutta la nostra Comunità, è una giornata di intensa preghiera perché non manchi nel cuore dei giovani la grazia della risposta alla chiamata con cui Dio li invita alla scelta sacerdotale. La preghiera di tutti sia fiduciosa, impregnata di questa vibrante certezza: Dio non può negarci il dono di cui la Chiesa ha bisogno, e che lui stesso ci ha invitati a chiedere quando ci dice che “la messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!” (Lc 10,2). La Vergine Maria, Immacolata, la Tutta santa, interceda per noi e per la nostra Chiesa diocesana, e renda incontenibile la gioia di spendere la propria esistenza per servire gli altri con l’amore di Dio. Benedico tutti di cuore, in particolare i giovani e le loro famiglie”.

Commenti

wpDiscuz
Menu