7 ottobre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 463 VOLTE

“Nonni: i sempre giovani” (di Rodolfo Damiani)

“Non si è mai troppo giovani per smettere di invecchiare”. Questo aforisma è stato il motto di tutta la geriatria anglosassone, che ha portato ad un punto tale le cure mediche che oggi permettono di raggiungere età ,nell’altro secolo, prima degli anni ’60, impensate. In Italia gli ultracentenari si avvicinano a 7.500, gli ultrasessantacinquenni sono al 22% e il 2% delle donne supera i 93 anni.

Ancora, in Europa gli anziani sono circa 60 milioni. Queste cifre non debbono preoccupare, perché i Nonni sono ritornati ad essere centrali nella vita e nell’economia della Nazione. E se leggiamo tra le righe degli oltre 400 lavori presentati alla VI edizione della Festa Del Nonno a Sora, riscontriamo che non esiste conflitto, e che i giovani prima degli studiosi hanno rivalutato i nonni trasformandoli in risorse sul piano degli affetti, sul piano umano e non ultimo sul piano dell’economia: maestri di comportamento, maestri sul lavoro, maestri di vita.

Opportuna e moderna, questa è una Festa che somma tradizioni, affetti, aspirazioni e feeling intragenerazionali. L’ass. “Deus Day”, con gli infaticabili Laura e Sebastiano, veri motori di tutto il sistema, e il Comune di Sora, dal Sindaco Tersigni al Delegato Caschera, dalla Giunta agli operatori comunali del settore, malgrado qualche ritardo iniziale e qualche immancabile contrattempo, hanno colto nel segno.

Tutto ciò è dimostrato anche dalla adesione ufficiale di: 29 Comuni; i mass media; molte associazioni culturali; le Associazioni d’Arma; l’ANTEAS; l’associazione di volontariato della CISL;  le organizzazioni dei Pensionati FNP-CISL e SPI-CGIL; i Medici Cattolici e uomini di cultura o impegnati nel sociale. Inoltre, senza clamori ma con azione fattiva, l’iniziativa è affiancata dall’Arciconfraternita dell’Addolorata. Segue altresì con attenzione l’evento Mons. Antonio Lecce, Vicario Generale della Diocesi. Appuntamento domenica 7 ottobre a partire dalle ore 9.30 nel teatro della RSA dei Camilliani; anche questa è una scelta significativa. AVANTI NONNI.

Rodolfo Damiani

Commenti

wpDiscuz
Menu