12 novembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 4.543 VOLTE

Ospedale, “Art. 32” annuncia: «Valuteremo la possibilità di passaggio di Sora in Abruzzo»

Il Comitato chiede ai sindaci di rigettare il nuovo Atto Aziendale. E in caso di ulteriore depotenziamento dell'ospedale SS. Trinità è pronta un'iniziativa clamorosa

Intervento di Fabrizio Pintori, portavoce del Comitato Civico Art.32 per l’ospedale di Sora (comitato membro del Coordinamento Provinciale Sanità), alla conferenza dei Sindaci che si è svolta il 10 novembre 2014. Di seguito il comunicato stampa diffuso dal comitato lo scorso 9 novembre, a margine della conferenza stessa.

«La settimana decisiva per la sanità provinciale sta per iniziare, ma non sotto buoni auspici, questa, almeno, è la sensazione che si riscontra dalle indiscrezioni che circolano intorno al prossimo Atto Aziendale. Le paure e le angosce sul futuro dei presidi ospedalieri, e di conseguenza sul diritto della salute dei cittadini, sono ulteriormente aumentate in seguito alla pubblicazione dell’ultimo decreto, il n. 368 del 30 ottobre u.s., firmato dal Presidente Zingaretti, in qualità di Commissario ad Acta, che, tra le altre cose, prevede una rivalutazione dell’assetto dei bacini territoriali della rete dell’emergenza in tre sole aree: Sud (provincie di Frosinone e Latina) Nord (provincie di Rieti e Viterbo); Area Metropolitana di Roma.

Purtroppo, la regione vuole puntare – come è ormai noto – sul sistema delle “Case della Salute” per cercare di sgravare i presidi ospedalieri dai così detti ricoveri inappropriati. Ebbene, si tratta di una soluzione già utilizzata, con scarso successo, in altre regioni (Toscana ed Emilia Romagna). Di fatto, questi poliambulatori potrebbero aumentare i disagi, in particolare per gli anziani che vivono nei piccoli centri, qualora vengano elette, dai medici di medicina generale quale sede esclusiva delle attività anche a favore dei propri assistiti. Come faranno le persone anziane a raggiungere la sede della Casa del Salute? Forse con una autobus navetta dell’A.S.L.?

Restando all’ambito del distretto-C, e quindi al “Ss. Trinità”, a parole il Presidente Zingaretti disse di voler elevare il Polo Oncologico a livello regionale, se non addirittura nazionale. Alle parole non sono seguiti i fatti! Le indiscrezioni sembrano confermare le peggiori previsioni, infatti, sembra che non vi sia alcuna menzione del Polo Oncologico, ma che addirittura sono previsti pesanti tagli per l’ospedale di Sora.

Al fine di contrattaccare le scelte politiche regionali, dettate esclusivamente da ragioni di bilancio, il Comitato Civico Art. 32 ha sottoscritto l’esposto all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, le azioni poste in essere dalle varie Associazioni e Comitati, anche in seno al Coordinamento Provinciale Sanità, hanno bisogno del sostegno di quelle delle istituzioni. Pertanto, in vista della prossima Conferenza dei Sindaci, lunedì 10 novembre, il Comitato invita il Sindaco di Sora a voler rigettare l’Atto Aziendale che verrà presentato e a non voler accettare eventuali proposte al “ribasso” che comportino tagli e diminuzioni, seppur minime, dei servizi del “Ss. Trinità”. L’augurio è che siano presenti tutti i Sindaci della Provincia per esprimere il loro parere negativo e cassare in toto l’Atto Aziendale. In caso di un ulteriore depotenziamento del “Ss. Trinità”, il Comitato valuterà anche la richiesta di un referendum per far passare Sora in Abruzzo».

Sora, 9 novembre 2014

Commenti

wpDiscuz
Menu