19 gennaio 2014 redazione@sora24.it
LETTO 1.189 VOLTE

Ospedale di Sora, radiologia e liste d’attesa. Guerriero: “Situazione di disagio”

La sottoscritta Anna Maria Guerriero, nelle vesti di segretario territoriale della Federazione Sindacati Indipendenti ( FSI ), avendo riscontrato le ripetute lamentale dall’utenza riguardo il servizio reso dal reparto di radiologia dell’Ospedale di Sora, in relazione ai tempi di attesa necessari per l’effettuazione dei richiesti esami radiologici (T.C. – RX – ECO – MAMMO), deve rilevare con rammarico che l’attuale situazione di disagio per l’utenza risulta purtroppo corrispondere a verità. Il regime osservato per gli esami da svolgersi risulta essere infatti irragionevolmente sottodimensionato.

La formazione dell’attuale organico sanitario del reparto ed il previsto programma delle prestazione aggiuntive, riservate al solo personale medico (che per lavoro reso oltre la soglia di quello “istituzionale” risulta percepire cospicui compensi al fine di rendere più snelle quelle liste di attesa che proprie le inspiegabili scelte di cui sopra risultano congestionare), non giustificano in alcun caso le limitate prestazioni radiologiche fornite.

A livello esemplificativo la Federazione Sindacati Indipendenti ha interesse ad evidenziare che qualsiasi lettore che volesse domani recarsi al Cup e richiedere un esame ECO o una mammografia, sentirebbe rispondersi che le liste per l’anno 2014 risultano essere bloccate. Il suindicato reparto provvede difatti a fare esami ECO solo da Lunedì a Giovedì per una soglia numerica di 5 esami al mattino e 2 al pomeriggio ed esami mammografici da Lunedì a Giovedì per una soglia numerica di 10 esami al mattino. Chi volesse inoltre effettuare un esame T.C. con mdc, prenotandosi oggi, dovrebbe aspettare sino al mese di Agosto del corrente anno, anche in ragione del fatto che tali esami vengono compiuti nella consistenza numerica (per gli esterni) di numero UNO al giorno (da Lunedì a Venerdì).

In ragione di quanto sopra espresso la scrivente sigla sindacale, onde tutelare l’immagine professionale della categoria dei propri iscritti, non può esimersi dal chiedere all’Azienda Sanitaria di chiarire i seguenti aspetti:

  1.  Chi e per quale ragione all’interno della struttura ospedaliera d’interesse intende contingentare nei termini sopra riferiti gli esami radiologici resi nei confronti dell’utenza;
  2. Chi e per quale ragione all’interno della struttura ospedaliera d’interesse fornisce al cup direttive tali da comportare tempi di attesa biblici per l’effettuazione di prestazioni radiologiche anche inerenti casi clinici di particolare gravità ed urgenza;
  3. Chi e per quale ragione all’interno della struttura ospedaliera d’interesse non assume i relativi opportuni provvedimenti volti ad ovviare alle criticità evidenziate.

Confidando in una sollecita risposta, si rivolgono distinti saluti.

Federazione Sindacati Indipendenti ( FSI )
SEGRETARIO TERRITORIALE

A.M. Guerriero

Commenti

wpDiscuz
Menu