2 dicembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 1.990 VOLTE

Presentazione del recinto funerario alla foce del Lacerno

Venerdì 5 dicembre nella sala conferenze del Museo della Media Valle del Liri, a partire dalle ore 15,30, si terrà una giornata di studi intitolata “Sora: necropoli e documentazione epigrafica.

La scoperta del recinto funerario alla foce del Lacerno”. In questa occasione saranno presentati i risultati degli studi multidisciplinari (archeologici, epigrafici ed antropologici) relativi all’importante recinto funerario scoperto a Sora, nel letto del fiume Liri, presso la confluenza del torrente Lacerno, in località Pontrinio.

Il recupero dei cippi funerari e dell’ara – segnalati anni prima dall’Associazione Verde Liri – è avvenuto nel settembre del 2013, al termine di un complicato scavo archeologico, diretto dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio in collaborazione con il Museo di Sora. L’intervento fu portato al termine grazie alla sinergia stabilitasi tra diversi Enti e Istituzioni: in particolare le operazioni di scavo furono curate dal Consorzio di Bonifica Conca di Sora, mentre quelle di recupero dagli uomini del 41° Reggimento “CORDENONS” della Caserma Simoni.

Grazie alla disponibilità della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, dell’Ufficio Servizi e Beni Culturali del Comune di Sora, ed alla concreta collaborazione della Impresa Generale Costruzioni Soccodato s.r.l., nella stessa giornata sarà inaugurato l’allestimento dell’intero recinto funerario, realizzato all’interno del museo riposizionando i quattro cippi iscritti e l’ara, su un progetto dell’architetto Paolo Emilio Bellisario. L’occasione è unica, sia per l’eccezionalità del ritrovamento che per l’allestimento, realizzato in occasione della presentazione sito al fine di offrire al pubblico del museo la documentazione fedele di un importantissimo monumento che fa parte integrante dell’archeologia e della topografia della città antica.

“Invito tutta la cittadinanza a partecipare a questo evento unico, di elevato spessore culturale e sociale – dichiara il Vice Sindaco Andrea Petricca – La giornata, promossa dalla validissima direttrice del Museo Dott.ssa Manuela Cerqua, nasce dalla sinergia di Istituzioni, privati ed Enti che hanno lavorato insieme spinti dall’amore per il prezioso patrimonio archeologico sorano che va giustamente valorizzato. Un ringraziamento a quanti hanno lavorato con impegno affinché il recinto funerario potesse tornare alla luce ed arricchire il patrimonio del museo, restituendolo all’intera collettività. Un ricordo al caro Gabriele Ferri per il suo importante contributo, segno tangibile della sensibilità e della passione che lo hanno sempre animato”.

Commenti

wpDiscuz
Menu