30 maggio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 786 VOLTE

Presidente, almeno Lei, non ci prenda in giro (di Lorenzo Mascolo)

”La partecipazione politica e’ in crisi. Guai se in Italia prevalesse la fuga dei giovani dalla politica”. Commentare questa frase di Giorgio Napolitano, pronunciata Lunedì scorso a Udine, dopo la notizia di ieri riguardante il Consorzio di Bonifica Conca di Sora, all’interno del quale pare sia stato assegnato un incarico ad una persona poco più “giovane” del Presidente della Repubblica, è decisamente imbarazzante.

D’altro canto, come accogliere di buon grado le parole dello stesso Presidente, visto che proprio lui è stato deputato dal 1953 al 1996 saltando la IV legislatura? (Biografia Presidente Napolitano)

Se effettivamente avesse creduto nei giovani, Napolitano, essendo classe 1925, avrebbe dovuto lasciar spazio a qualche erede già dal 1985. Invece ha svolto il suo ultimo mandato a 72 anni, senza contare gli incarichi successivi. E come lui hanno fatto e continuano a fare la stragrande maggior parte dei politici italiani.

Orbene, se un seggio delle Camere Nazionali può essere occupato per 40 anni dalla stessa persona, risulta paradossale chiedere ai giovani di non fuggire dalla politica. Al contrario, la richiesta del Presidente sarebbe condivisibile qualora egli stesso si impegnasse per far sì che dopo uno, al massimo due mandati, deputati e senatori siano obbligati a lasciare spazio ad altri.

Pertanto, l’esortazione di Napolitano ai giovani è realisticamente effimera. Forse, Lunedì mattina a Udine il presidente aveva voglia di “scherzare”. In tal caso gli chiediamo, gentilmente e con profondo rispetto della sua carica, di non prenderci in giro, perché in questo Paese non c’è spazio in Politica per i giovani, a meno che essi non si lascino, per usare un eufemismo, “guidare”.

Lorenzo Mascolo – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu