8 maggio 2015 redazione@sora24.it
LETTO 3.624 VOLTE

Raccolta rifiuti: il Sindaco di Sora azzera il Cda della società “Ambiente”

Questo quanto pubblicato oggi dal quotidiano Ciociaria Editoriale Oggi, in un articolo a firma di Ciro Altobelli.

«Salta il Cda della società Ambiente surl, la municipalizzata che da oltre un decennio si occupa di raccolta dei rifiuti per conto del comune di Sora, torna sotto i riflettori, dopo tutti i guai finanziari, con risvolti occupazionali, degli anni passati, con una decisione della giunta comunale di una settimana fa in cui in pratica si chiude l’era del Consiglio di amministrazione e si prospetta l’epoca dell’amministratore unico.

I maligni sicuramente legheranno gli eventi con le polemiche che vanno avanti da tempo ma acuitesi negli ultimi giorni tra il presidente della società, Daniele Tersigni e l’assessore D’Orazio sui ritardi nell’attivazione della raccolta differenziata anche nella zona di Sora rimasta senza il servizio, mentre i più buoni sottolineeranno che si tratta di una semplice coincidenza. I cittadini sapranno scegliere la lettura dei fatti che più ritengono vicina al vero. Per il momento c’è da segnalare che proprio ieri il sindaco Ernesto Tersigni ha firmato l’avviso pubblico rivolto ai professionisti che vogliano candidarsi per ricoprire il ruolo di Amministratore delegato dell’Ambiente Surl per il triennio 2015-2017.

Le dichiarazioni di disponibilità all’incarico, corredata di tutti i documenti richiesti, devono pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Ente entro e non oltre le ore 12 del 18 maggio 2015. L’istanza può essere inviata anche a mezzo pec all’indirizzo comunesora@pec.it. Nell’avviso, pubblicato sull’Albo Pretorio del Comune di Sora, gli interessati potranno attingere tutte le notizie per poter partecipare. L’incarico sarà operativo dal primo luglio. Tra i requisiti indispensabili quello di dover dimostrare “qualificata e comprovata competenza professionale”. Tra qualche settimana scatterà dunque una nuova gestione della società, amministrata finora, oltre che da Tersigni (indicato da Forza Italia ora però all’opposizione), anche dai consiglieri del CdA Massimo Bruni e da Tony Vinci. Una società nata a capitale misto pubblico/privato (con quote rispettivamente del 51 e 49 per cento) poi da qualche anno diventata completamente pubblica. Nel tempo sono stati tanti i momenti bui e le tensioni, i ripianamenti e gli scossoni societari. Ora il nuovo assetto societario che, si spera, porterà ad un Ambiente più … tranquillo».

Commenti

wpDiscuz
Menu