26 aprile 2016 redazione@sora24.it
LETTO 1.301 VOLTE

Roberta Pugliesi replica a Mike Di Ruscio: «Giornalisti e tessere dell’Ordine non di partito…»

Riceviamo e pubblichiamo il seguente articolo a firma di Roberta Pugliesi, Direttore di Tg24.info, in replica alla nota di Mike Di Ruscio (clicca qui per leggerla).

«Dopo aver letto un articolo a firma di Mike Di Ruscio, ex collaboratore di un giornale locale, militante socialista da anni, oggi anche coordinatore nazionale del Psi, avendo egli chiamato in causa il giornale da me diretto da quattro anni, sento la necessità di spendere poche ma sentite parole.

Lo faccio non a difesa del consigliere Valter Tersigni, erroneamente definito editore di Tg24.info, ruolo rivestito infatti da un’altra valida e seria persona. Lo faccio altresì per i miei “compagni di viaggio”, i miei colleghi, i vecchi – quelli della prima ora – e quelli che sono entrati a far parte della famiglia di Tg24.info nel tempo e soprattutto nell’ultimo anno e mezzo. Da quando cioè uno staff di persone, di cui fa parte anche il consigliere Tersigni, ha deciso di investire risorse, tempo, passione, soldi, idee, progetti.

E’ per loro, per i miei collaboratori, che ho deciso di scrivere queste poche righe, per loro che con spirito di abnegazione, passione, capacità, serietà e soprattutto credibilità, ogni giorno, 365 giorni all’anno, dedicano all’informazione targata Tg24.info il loro tempo. Sorvolando, quindi, sulle valutazioni politiche ed evitando commenti sulla pur discutibile pratica – che con dispiacere e sorpresa apprendo caratterizzare anche il modus operandi dell’amico Di Ruscio – di registrare cioè le conversazioni, c’è di fondo una sacrosanta verità nelle affermazioni del 2011 del consigliere Valter Tersigni: non sarò io a sottolinearla ma lascio che siate voi, cari affezionati lettori, a darvi una risposta. Che credibilità può avere un giornalista con in tasca una tessera di partito?

Ognuno ha il proprio orientamento, le proprie idee, i propri valori ma nessuno in casa Tg24.info ha in tasca una tessera di partito, al più dell’Ordine che resta, comunque, non strettamente necessaria. Vincenzo, Marina, Angela, Caterina, Alessandra, Roberto, Danilo, Carlo, Aldo, Catia, Irene, Andrea, Anna, Ettore, Veronica, Marta, Alessandro, Francesca, Beniamino, Francesco e tanti altri collaboratori sono il motore di Tg24.info. Si può essere apprezzati o meno, si possono condividere i punti di vista o dissentire ma su un punto non si transige: la credibilità di ognuno dei giornalisti che mi rendono orgogliosa di rivestire da ormai quattro anni – con la riservatezza che mi contraddistingue – questo prestigioso ruolo.

L’auspicio è che la campagna elettorale 2016 abbia ben altri ed alti contenuti e non basse strumentalizzazioni, specie quando si sottovaluta troppo facilmente il difficile lavoro della redazione di un giornale, del giornale della provincia di Frosinone: Tg24.info».

Commenti

wpDiscuz
Menu