domenica 31 luglio 2016 redazione@sora24.it

Roberto Iacovissi: un secchio d’acqua in testa è… «Cancéglie libera!»

Un secchio d’acqua gelata in testa e un video da postare sui social. E’ la solidarietà ai tempi di Facebook. Virale, divertente, animata e legata profondamente a quei valori di partecipazione civica di cui Roberto Iacovissi è diventato da anni paladino a Sora.

Queste le sue parole nel video: «Dietro di me c’è Cancéglie. Cancéglie è il cuore, la storia, l’anima di Sora. Oggi Cancéglie è solo sfascio, polvere, puzza, per lavori infiniti, che procedono a singhiozzo e di cui non si vede la fine. I residenti si deprimono, le attività chiudono, arrancano. Tanti affittasi e vendesi.

Il mio è un appello a chi può e deve risolvere nel più breve tempo possibile quello che è il primo problema di Sora. Il mio è un appello perché Cancéglie ricominci a vivere. Sindaco De Donatis, acceleriamo i lavori, rallentiamo la morte per tante persone. Per Cancéglie libera!»

Commenti

wpDiscuz
Menu