24 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 517 VOLTE

Rodolfo Damiani interviene sul rinnovo del CdA della Farmacia Comunale

“Abbiamo appreso da nota giornalistica del rinnovo del Consiglio di  Amministrazione della Farmacia Comunale e dal gossip cittadino i nomi dei papabili. Senza entrare nel merito delle persone, visto che abbiamo avuto sul problema della Farmacia Comunale una lunga diatriba, vogliamo di nuovo ribadire le nostre posizioni e precisarne il fine. Prima di dare dei nomi, credo sarebbe necessario chiarire la natura e la missione di una farmacia comunale, visto che nella legge istitutiva di detti presidi si marcava l’aspetto sociale della sua funzione. L’altro elemento essenziale da indicare a priori è il tipo di politica che intende perseguire il Comune attraverso i servizi erogabili dalla Farmacia stessa. Infine riteniamo che i cospicui ritorni economici che attengono al Comune debbano avere una destinazione atta a migliorare le    prestazioni del settore socio-sanitario. Stabilite le politiche vanno indicati i requisiti di chi è chiamato a gestire un settore di particolare contenuto tecnico-scientifico e quando ci si trova a dover fare scelte di questo tipo il Manuale Cancelli può non essere adeguato. Per chiudere il nostro contributo una notazione che attiene alla democrazia dei rapporti interni: è stata nominata una Consulta per i problemi sociali, sanitari e delle pari opportunità , a nostro avviso sarebbe corretto tener conto anche del  parere che dovrebbe esprimere , vista la materia del contendere.

Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti, atti a concertare una linea condivisa”.

Rodolfo Damiani – Federazione Nazionale Pensionati CISL Provincia Fr

Commenti

wpDiscuz
Menu