9 maggio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 402 VOLTE

SAN DONATO VAL DI COMINO – il presidente dell’Ater Enzo Di Stefano rassicura inquilini alloggi Via Roma

“Non appena appresi i disagi che stanno vivendo gli inquilini degli alloggi Ater di via Roma a San Donato, ho immediatamente inviato in paese i tecnici dell’azienda per una seria valutazione di quanto da loro evidenziato”. Con queste parole, il presidente dell’Ater Enzo Di Stefano delinea l’azione per combattere le condizioni di degrado in cui versa il complesso abitativo. “Una decisione presa d’urgenza che ci permette – spiega Di Stefano – di avere sin da subito una relazione dettagliata di ogni aspetto di incuria o degrado che ad oggi interessa l’intera area, oltre che di capire se in passato ci sia già stata in merito una segnalazione ufficiale all’Ater.

Già da domani, quindi, potremo disporre di un quadro preciso di tutto quanto sarà da farsi e inizieremo ad attivare ogni procedura necessaria per mettere in sicurezza le case dei nostri utenti e per riqualificare l’intero agglomerato. Non ci limiteremo solo a lavorare sulle strutture esterne ed interne, ma renderemo l’intero spazio del complesso un elemento funzionale ed accogliente per tutti. Vorrei specificare – prosegue – che la mia prima preoccupazione, subito dopo aver ricevuto pochi mesi fa la nomina di presidente dell’Ater, è sempre stata quella di favorire il miglioramento della qualità della vita degli inquilini: proprio per questo, abbiamo iniziato un’accurata ricognizione di tutto il patrimonio immobiliare dell’azienda per verificarne l’adeguatezza in base agli attuali criteri di vivibilità.

Credo sia importante ricordare, inoltre, i grandi risultati ottenuti nella lotta per la sicurezza e contro l’abusivismo: in questi primi mesi del 2012, con la collaborazione delle Forze dell’Ordine, stiamo liberando numerosi alloggi occupati illegalmente, al fine di metterli a disposizione di chi ne ha diritto. Intendiamo continuare con forza su questa strada – conclude Di Stefano – anche contando su un sempre più stretto legame con i comuni del territorio per promuovere, insieme, una nuova e moderna politica abitativa”.

Commenti

wpDiscuz
Menu