5 settembre 2013 redazione@sora24.it
LETTO 626 VOLTE

Sanità: riunione a Frosinone tra Suppa, Ottaviani, Tersigni e rappresentanti di Alatri e Cassino. Ora si parla di un solo polo e 4 Dea di 1° livello

Nel pomeriggio odierno, nella sede del Comune di Frosinone, si è svolta una riunione tra il Sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, quale presidente della conferenza sanitaria provinciale, il commissario della Asl Vincenzo Suppa, il Sindaco di Sora Ernesto Tersigni, il vice sindaco di Alatri Fabio Di Fabio, Antonio D’Alatri e Tonino Scaccia sempre per il Comune di Alatri, il tutto d’intesa con il sindaco di Cassino Golini Petrarcone, che non ha potuto partecipare per concomitanti impegni istituzionali.

La riunione di lavoro, che coinvolgeva i sindaci delle quattro realtà in cui sono presenti gli ospedali in provincia di Frosinone, si è resa necessaria allo scopo di preparare la conferenza dei sindaci che si terrà giovedì 12 settembre, alle 15, nella sala convegni della Asl, per analizzare la nuova proposta che il commissario, gen. Vincenzo Suppa, ha formulato dopo il rigetto della prima bozza dell’atto aziendale.

La nuova soluzione, da valutare da parte dei sindaci, consisterebbe nel creare un unico polo ospedaliero integrato con quattro sedi distinte, una per ogni ospedale, e quindi, oltre a Frosinone, Alatri, Sora e Cassino, ognuna con un Dea di I livello, con struttura semplice, insieme al Dea di I livello del capoluogo, quale struttura complessa.

In particolare, oltre alla previsione di un numero dedicato di posti letto per la Cardiologia interventistica nella sede di Frosinone, ad Alatri verrebbero aggiunti 21 posti letto di lungodegenza, 15 di orto geriatria, 20 di day surgery multidisciplinare, con un sensibile aumento delle unità disponibili. A Sora e a Cassino verrebbero assegnate una serie di specializzazioni, volte ad evitare la duplicazione dei reparti nelle altre sedi, permettendo investimenti esclusivi, in campo sanitario, sulle singole realtà.

L’alternativa a tale nuova proposta rimarrebbe quella dei due poli ospedalieri Frosinone-Alatri e Sora-Cassino, già oggetto di bocciatura da parte della conferenza dei sindaci. A tali due opzioni, secondo le indicazioni di alcuni sindaci, potrebbe aggiungersi la terza, che prevederebbe la ristrutturazione dell’Asl in quattro distinti ospedali, ognuno con la propria autonomia funzionale, con il rischio, però, in mancanza di modifica del decreto regionale 80/2010 e del decreto Balduzzi, di non rispettare i parametri minimi attualmente imposti dalla normativa regionale, e con il conseguente pericolo di chiusura, nei prossimi anni, di quelle strutture che non dovessero raggiungere i requisiti organizzativi richiesti.

“Una proposta di tali dimensioni” ha commentato il Sindaco Nicola Ottaviani “ha bisogno di essere portata all’attenzione di tutti i sindaci nella relativa assemblea, ove sarà possibile valutare le tre proposte attualmente sul tavolo, in funzione di una corretta ed adeguata efficienza sanitaria, che tenga conto delle esigenze complessive del territorio. Ecco perché dopo il tavolo di lavoro di oggi, sarà opportuno attendere l’esito del pronunciamento dell’assemblea dei sindaci, fissata per la prossima settimana”.

Commenti

wpDiscuz
Menu