mercoledì 15 luglio 2015 redazione@sora24.it

Sanità, Rodolfo “cuor di leone” rilancia: «Avanti! La verità è rivoluzionaria e la lotta paga»

Una manifestazione coraggiosa, articolata,carica di significati per la tutela della salute, per l’occasione di incontro e di discussione fra cittadini, per ribadire che siamo ancora in democrazia, come quella organizzata dall’ADO e proposta con insistenza dal Presidente Augusto Vinciguerra meritava un epilogo diverso. Un epilogo che tutti avevamo, fino a lunedi sera, preconizzato di grande impatto sul tessuto politico-sociale del territorio.

L’atmosfera di festa, con i cittadini che numerosi si avvicinavano per firmare, per scambiare battute,magari solo per un saluto, ha sfociato al momento della conferenza di chiusura in una manifestazione in cui sono mancati i semplici cittadini,che erano di fatto parimenti interessati alla causa per cui gli operatori erano scesi in piazza e la parte politica , con l’eccezione delle Amministrazioni di Arpino e Pescosolido,a cui ci si rivolgeva per stringere un nuovo patto di lotta per restituire al territorio il maltolto.

Gli oratori che si sono succeduti , di particolare pregnanza ,oltre quello di Vinciguerra,gli interventi di De Donatis, di Notarcola,del Sindaco di Arpino e il crudo pragmatismo dell’Assessore Baldasarre di Pescosolido, nel vuoto dei veri interlocutori,hanno esemplificato uno spaccato impietoso dell’attuale contesto politico, del contesto economico e in conseguenza del depauperamento della sanità non solo sorana ma di tutta la provincia. Speriamo che i messaggi abbiano ugualmente raggiunto quei politici che con la loro assenza hanno avallato le letture rinunciatarie dei loro atti al momento di tutelare il territorio e i cittadini che non hanno capito che chi non partecipa,che chi non si confronta, che chi non vota lascia agli altri l’arbitrio della scelta.

Un encomio maiuscolo agli Amici dell’ADO , la loro dimostrazione è stata comunque un grande successo, per i giudizi favorevoli che hanno suscitato, per lo spirito di sacrificio espresso, per l’organizzazione scrupolosa e accogliente, per le conclusioni che non sono di ritorno nel proprio privato ma una volontà di andare avanti a tutti i costi.

Per i dirigenti del movimento c’è una chiamata ad intensificare il lavoro per capire le ragioni delle defezioni e per programmare iniziative che siano come per il passato più coinvolgenti. Una cosa debbo comunque affermarla ho purtroppo già percepito i veleni di prossime campagne elettorali e credo che questo è servito a qualcuno per dare l’esempio per prendere le distanze da una manifestazione che trattava di salute , un bene che non ha colore politico e non deve servire da moneta di scambio politico. Comunque avanti, la verità è rivoluzionaria e la lotta paga.

RODOLFO DAMIANI

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App