2 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 562 VOLTE

SEL replica al redazionale di Mascolo e attacca Tersigni

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma del Dott. Antonio Pellegrini (Sinistra Ecologia e Libertà – SORA)

Con ritardo ci inseriamo nel dibattito che sulla pagina di Sora24 ha tentato di suscitare il redattore Lorenzo Mascolo (leggi l’articolo): trarre un giudizio sul primo anno di attività della amministrazione Tersigni ad un anno dalla sua elezione. E’ senza dubbio un compito importante che la redazione intende affrontare; lo abbiamo seguito, abbiamo atteso gli sviluppi, ma dopo la risposta giunta dal Sindaco (leggi l’articolo) ci permettiamo di intervenire.

Abbiamo compreso lo scoramento, la delusione, l’angoscia di chi, candidandosi con un grande entusiasmo in una lista a sostegno del sindaco Tersigni, dopo un solo anno, prova; l’entusiasmo con cui la redazione di Sora24 ha salutato il risultato elettorale della primavera scorsa, il lavoro di sostegno alla nuova giunta ed alla amministrazione di Centro-destra ha subito una battuta di arresto ad un anno di distanza.

Lo stimolo esercitato da chi ha sostenuto, prima durante e dopo la campagna elettorale, la nuova maggioranza, ha ceduto, ci sembra, allo scoramento. Dopo aver citato opere realizzate dall’amministrazione Tersigni, (quasi tutte messe in cantiere dalla amministrazione Casinelli) il redattore si è accorto dell’assenza di nuovi progetti per il decollo dell’economia sorana. Tuttavia la fiducia nella possibilità che qualcosa cambi nei futuri quattro anni della amministrazione Tersigni non è venuta a mancare nelle parole di Mascolo. Detto ciò, ci permettiamo di esprimere la nostra opinione in merito all’operato dell’attuale governo sorano.

Sebbene il sindaco “volando basso” avesse promesso piccole cose, dopo un anno non si vede ancora alcun risultato. Nel quartiere Pontrinio, ad esempio, non è cambiato niente. Attualmente l’amministrazione non provvede nemmeno più alle piccole manutenzioni, tanto è vero che i travertini divelti durante lo sgombero della neve giacciono immobili da quattro mesi.

Lo spettacolo domenicale e festivo della mini discarica in Piazza XXV Aprile perpetua lo status inventato dall’amministrazione precedente; asini e cavalli sono tornati a rasare l’erba nel “costruendo” parco del quartiere; le buche di Lungoliri Roccatani sono sempre più ampie.

Ma, nonostante ciò, il sindaco pretende da Mascolo e Sora24 il silenzio. Non bisogna disturbare il primo cittadino, perchè il lavoro estenuante che sta portando avanti ricade quasi tutto sulle sue spalle, in quanto giovani ed inesperti consiglieri comunali non lo sostengono adeguatamente.  Tersigni, altresì, sorvola sull’abbandono del gruppo di provenienza accogliendo giovani “inesperti” che rimpinguano la sua maggioranza. FORSE NON SONO BENE GUIDATI, FORSE LA STRADA INDICATA DALLA “DITTA TERSIGNI” NON PORTA LONTANO. ALLORA E’ IL CASO DI CAMBIARE GUIDA POLITICA E AMMINISTRATIVA.

Infine, esprimiamo la nostra disapprovazione alla luce di quanto avvenuto nel consiglio di amministrazione della società Ambiente SpA con le dimissioni irrevocabili del Presidente. E ci chiediamo: come mai il Sindaco stende sulla vicenda un silenzio assordante?

La società Ambiente svolge un importante compito sul territorio; le dimissioni a pochi mesi dall’elezione del presidente Annarelli nascondono una diversità di vedute tra l’amministratore e l’azionista unico? Ha provveduto il cda ad allargare l’utenza a 30,000 persone pena lo scioglimento della società stessa ed il ritorno della gestione diretta? E’ riuscito il sindaco ad allargare alle amministrazioni confinanti la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti per continuarne la gestione pubblica?

Visti i dinieghi ottenuti dai sindaci di Broccostella Campoli Appennino e Pescosolido, che pur facendo parte dello stesso schieramento politico non hanno a tuttoggi aderito, non ritiene sia il caso di contattare altri sindaci forse più disponibili ad entrare in un consorzio che gestisca a prezzi controllati il servizio?

Vari atteggiamenti presi dal sindaco fanno presagire il suo futuro comportamento; tornare ad appaltare ad un privato il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Non ci scandalizza tale scelta; ma dovendo il privato fare utili su un servizio pubblico c’è da star sicuri che il cittadino andrà a pagarne le conseguenze, ovviamente con aumenti delle bollette.

Questo siamo portati a pensare in quanto non abbiamo riscontrato un proficuo lavoro in direzione del rafforzamento degli scopi della Società Ambiente SpA. Così come non vediamo all’orizzonte l’iniziativa di intraprendere un dibattito sul suo futuro.

Commenti

wpDiscuz
Menu