7 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 190 VOLTE

SISMA EMILIA: NAPOLITANO "SERVE PIANO DI SICUREZZA NAZIONALE"

ROMA (ITALPRESS) – Non attuare politiche di prevenzione per le calamita’ naturali “e’ un delitto”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, intervenendo a Bologna, prima tappa della sua visita di oggi in Emilia Romagna.
“Serve un piano nazionale di messa in sicurezza contro il rischio sismico”, ha sottolineato Napolitano, per il quale “c‘è molto da calibrare e molto da rivedere per evitare che si abbiano delle vittime. I terremoti non si possono prevedere, ma l’Italia corre rischi che potrebbe anche non correre”.
“Lo Stato e’ qui, e’ in tutti i comuni oggi all’opera per fare la propria parte. Io sono qui per dovere, per vedere e ascoltare”, ha sottolineato Napolitano, per il quale “è stata colpita al cuore un’area di eccellenze dal punto di vista storico, artistico, culturale, religioso, ma anche economico e sociale. Dobbiamo evitare il rischio di regresso dal punto di vista delle attivita’ produttive, evitare che le aziende colpite vadano via”.
“Ci vuole spirito di sacrificio, sangue freddo, solidarieta’, pazienza e capacita’ di durata. Passera’ del tempo prima di riuscire a fare quello che e’ indispensabile per tornare alla normalita’. Non temete di essere dimenticati”, ha detto poi Napolitano rivolgendosi ai cittadini di Mirandola nel corso della sua visita nel pomeriggio. “Faro’ il mio dovere standovi accanto come posso, nell’ambito dei miei poteri, nel rispetto della Costituzione”, ha poi assicurato a Crevalcore.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu