17 ottobre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 3.750 VOLTE

Sora: «Ignobile attacco a Giacomo Iula». La protesta di Caschera, Mosticone e Lecce

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma dei consiglieri comunali Lino Caschera, Antonio Lecce e Alessandro Mosticone del gruppo consiliare di Forza Italia.

«I consiglieri comunali del Gruppo Forza di Sora, Lino Caschera, Antonio Lecce e Alessandro Mosticone manifestano la più piena solidarietà umana e politica al collega consigliere e Presidente del Consiglio Comunale di Sora, Giacomo Iula, per l’ignobile attacco personale di cui è stato fatto oggetto in queste ore. Abbiamo voluto sperare fino all’ultimo che la frase pronunciata contro il Presidente Iula, nel consiglio comunale del 26 settembre scorso, da Celso Costantini, portavoce della maggioranza Tersigni (“con te i conti li facciamo dopo”) fosse semplicemente una gravissima caduta di stile politico istituzionale causata dallo stress di una seduta consiliare lunga ed impegnativa.

Abbiamo voluto sperare fino all’ultimo che l’umiliante sconfitta subita nella competizione per il rinnovo del Consiglio Provinciale dal Sindaco Tersigni, leader dell’NCD e vice presidente in pectore dell’Amministrazione Pompeo, doppiato in termini di voti dal nostro candidato eletto, Vittorio Di Carlo, inducesse il primo cittadino di Sora ad una seria riflessione sulle ragioni per le quali, da qualche anno a questa parte, lui e tre o quattro suoi fedelissimi strateghi non fanno altro che inanellare sonore debacles elettorali.

Non “sono stati i sorani a non votarlo” il Sindaco alle provinciali, ma almeno due dei consiglieri comunali della maggioranza facenti parte del gruppo consiliare dell’NCD. E ora non comprendiamo come questi due (almeno) consiglieri di maggioranza possano continuare ad avere fiducia in Tersigni e sostenerlo a livello amministrativo locale se lo hanno sonoramente bocciato a livello provinciale. E, soprattutto, non comprendiamo su quali basi umane e politiche il sindaco Tersigni possa continuare a pensare di avere una maggioranza (di per sé già risicata e frutto di uno squallido mercimonio) con almeno due consiglieri che lo hanno bocciato a livello provinciale.

Abbiamo voluto sperare fino all’ultimo che, digerita l’esclusione dal Provincia e chiariti i rapporti all’interno della sua evidente non maggioranza (sia politica che numerica), il Sindaco di Sora quantomeno dichiarasse alla città che il suo tempo è finito e che il sogno del 2011 è miseramente morto lasciando spazio ad un incubo senza fine.
Ed invece no! Alle peggiori manifestazioni di arroganza e di “violenza politica” non c’è limite.

Ed invece no! Il diabolico disegno politico contro il collega Iula era già pienamente in atto fino a manifestarsi con l’avvio di una procedura di decadenza “ad personam”, dal sapore evidentemente discriminatorio e di lotta politica, che sarà rintuzzato senza se e senza ma, sia sul piano regolamentare dal Presidente Iula che sul piano politico dall’intero Gruppo di Forza Italia con manifestazioni anche eclatanti finalizzate a denunciare la violazione dei più elementari diritti civili e democratici.

Ci fermiamo qui per il momento. Lanciando solo un ultimo caloroso appello ad almeno qualcuno dei consiglieri comunali (quelli meno “pretoriani”) che “avrebbero” firmato la comunicazione di decadenza del Presidente del Consiglio Comunale; prendete atto delle controdeduzioni del collega consiliare Iula ed evitate (anzi, evitiamo tutti insieme) di portare la nostra Città agli onori di una cronaca (anche nazionale) ridicola e surreale».

I consiglieri comunali
Lino Caschera
Antonio Lecce
Alessandro Mosticone

Commenti

wpDiscuz
Menu