16 dicembre 2016 redazione@sora24.it
LETTO 2.115 VOLTE

SORA – Il consigliere Luca Di Stefano scrive pubblicamente al sindaco De Donatis

Egregio Sig. Sindaco, La memoria di un territorio così ricco di storia come Sora rappresenta senza dubbio un patrimonio di valore inestimabile. In particolare, meriterebbe maggiore attenzione il vasto passato amministrativo della città, con riferimento agli eventi che, a partire, dal dopoguerra, ci hanno condotto fino ad oggi. Sono stati molti i sindaci che, a seconda delle stagioni che si sono trovati a gestire, hanno dato lustro ed impulso a Sora, a volte anche a costo di sofferenze personali e familiari.

Ecco perché sarebbe importante, anche e soprattutto a beneficio delle nuove generazioni, valorizzare la storia di questi protagonisti con iniziative appositamente create. Inoltre, sarebbe auspicabile un’attenta rivisitazione della toponomastica cittadina, al fine di valutare l’intitolazione di strade, piazze e larghi a coloro che, come i sindaci deceduti hanno lavorato esclusivamente per il bene di Sora e dei sorani. – Lucarelli A. – Vicini A. – Ruggieri G. – Senese I.V. – Bartolomucci C. – Tersigni N. –

Credo che un simile ragionamento potrebbe essere fatto anche per quanto riguarda chi è deceduto da meno di 10 anni (è il caso, ad esempio, dei compianti sindaci Casinelli e Paniccia sindaci ed il consigliere Regionale D. Salvati ed il cons Antonio Venditti) in onore a tali personaggi si potrebbe valutare l’intitolazione di scuole o edifici pubblici.

Il mio auspicio, signor Sindaco, è che voglia tenere nella giusta considerazione questa richiesta, perché una comunità come Sora, che vuole guardare al futuro con ottimismo, non può prescindere dalla riconoscenza e dalla valorizzazione di chi, prima di noi, ha saputo creare condizioni di grande sviluppo e benessere.

Luca Di Stefano

Commenti

wpDiscuz
Menu