17 maggio 2015 redazione@sora24.it
LETTO 7.064 VOLTE

Sora: l’addio al celibato di quattro ragazzi finisce… fuori strada

Brutta disavventura per quattro avezzanesi giunti a Sora per festeggiare un addio al celibato. La ricostruzione dell’accaduto nell’articolo a firma di Marta Di Cocco pubblicato sul Quotidiano Ciociaria Editoriale Oggi.

«Doveva essere solo una normale festa di addio al celibato, la notte prima del matrimonio, e invece lo sposo ha rischiato di non arrivare puntuale all’appuntamento con la sua amata. È accaduto un paio di notti fa e protagonisti del fatto sono stati quattro ragazzi provenienti da Avezzano che per questa ultima serata di libertà del festeggiato hanno scelto Sora.

Nel quartetto in festa oltre allo sposo c’era anche suo fratello, il suo testimone e un amico. Il gruppetto ha passato la serata in un locale del sorano fra musica latinoamericana e balli e brindisi, sicuramente molti di più di quelli che avrebbero dovuto fare. Una serata festosa e allegra, l’ultima con gli amici, prima di prendere un impegno così grande con la donna scelta “per sempre”.

Una festa che ha rischiato di trasformarsi in tragedia quando il quartetto è risalito in macchina per tornare nella Marsica. Appena il tempo di percorrere poche centinaia di metri e l’autovettura è andata fuori strada dal lato opposto della carreggiata e finendo addosso a dei bidoni dell’immondizia. L’impatto ha fatto un gran rumore e alzato un grosso polverone e alcuni bidoni sono finiti in strada.

Solo per una fortunata coincidenza non ci sono stati altre persone coinvolte visto che la strada dove si trovavano e molto trafficata anche nelle ore notturne. La confusione ha richiamato l’attenzione di alcuni passanti e sul luogo è giunta anche una pattuglia dei carabinieri di Sora. Naturalmente all’autista, il fratello dello sposo, trovato con un tasso alcolemico superiore alla norma, è stata ritirata la patente. Tutti hanno riportato lievi traumi. In conclusione, una serata di festa e di allegria ha rischiato di rovinare anche quella giornata tanto attesa. E chissà se avranno capito quanto sono stati fortunati».

Commenti

wpDiscuz
Menu