giovedì 23 luglio 2015 redazione@sora24.it

“Sora Nostra”: fallimento del calcio e non solo nel grande sfogo a 360° del giovane Marco

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera inviata stamane da un nostro giovane lettore di nome Marco, contenente un lungo sfogo che parte dalla mancata iscrizione del Sora Calcio ai vari problemi che attanagliano la città volsca. Questo il titolo: “Sora nostra… ora abbiamo i colpi ma non abbiamo il fucile!”

«Un’altra cattedrale nel deserto nel sorano. Trattasi dello Stadio Tomei per i quali sono stati spesi centinaia di migliaia di “nostri” Euro ed ora non ha più la sua utilità o meglio non potrà più essere il teatro nel quale la domenica andava in scena lo spettacolo che univa tutti i Sorani. Ebbene sì, ancora una volta non abbiamo una squadra di calcio che rappresenta l’amore, la passione, la volontà, la simpatia, i sacrifici e tanto altro ancora che la popolazione sorana ha dato a quella maglia ed a quei colori per più di 100 anni.

Vi scrive uno che negli ultimi 10 anni ha visto il Sora a Villa Latina, a Anagni, in quei paesini nei pressi di Cassino di cui non conosceva nemmeno l’esistenza ed in settimana si chiedeva come arrivarci. Non me ne vogliano questi paesi, ma la storia calcistica che contraddistingue il Sora Calcio è ben altra, fatta di partecipazioni a campionati di serie C1 dove militavano squadre di grande prestigio, finali di Coppa Italia ecc. Che ne sarà ora della domenica pomeriggio? Che ne sarà del nostro amore per quella squadra?

Sicuramente si andrà ad “incrementare”, per quanto possibile, l’economia dei paesi limitrofi, chi andrà a Frosinone a vedere la serie “A”, e dopo magari andrà al cinema, chi passerà il pomeriggio al lago di Posta Fibreno con una birretta ed una chiacchierata tra amici, chi, come si faceva una volta, a Villa Latina a mangiare un gelato, comunque ovunque si vada saranno tutti soldi tolti all’economia sorana che già piange di suo.

L’Isola liri che ha disputato lo scorso campionato sempre nelle zone bassissime della classifica e priva (almeno si diceva) di assetto societario è stata regolarmente iscritta al campionato. Io non so di chi è la colpa di questo ennesimo fallimento visto che fino a 3 giorni fa tutto era a posto, ma mi rivolgo a chi gestisce “la cosa pubblica” dicendo che questo non è solo il fallimento sportivo del Sora ma è il fallimento dell’intera città figlio di un’amministrazione assente, di molte cose che non vanno o funzionano male,
di lavori fatti “all’incirca” dove dopo ci si deve tornare sopra reinvestendo ancora risorse.

Molti diranno che nel comune non ci sono i soldi per affrontare la quotidianità figuriamoci se dobbiamo “buttarli” nella squadra di calcio, ma quella dovrebbe essere una risorsa pubblica in grado di unire, anche se una volta ogni 15 giorni, il popolo sorano o comunque gran parte di esso. Quindi i soldi per la squadra di calcio non ci sono… e allora mi chiedo come mai:

– Abbiamo un manto stradale che per circa il 90% di tutta la città è a dir poco disastroso, e credo sia inutile provvedere con un camion a “rattoppare” le buche magari dopo una copiosa pioggia, tanto alla successiva siamo punto e a capo. Sono state fatte delle nuove rotatorie, che sicuramente abbelliscono la nostra città e per quanto possibile aiutano a smaltire il traffico, ma sicuramente tutti avranno notato che il manto stradale intorno alla nuova rotatoria (nei pressi del Bar Gioia per capirci) per chi proviene da via Trecce è letteralmente disastrato.

– Sono stati installati un anno fa 20 dissuasori che avranno portato nelle casse del comune forse l’1% della spesa sostenuta e vivendo a Sora posso dire che non hanno creato nemmeno l’effetto “paura” per gli automobilisti, visto che comunque si continua a sfrecciare tranquillamente ad alta velocità, tanto i “salsicciotti” arancioni non hanno nessuna utilità visto che non vengono usati.

– E’ stata costruita una diga nel fiume Liri con utilità pari a zero ma con costi molto elevati, ora addirittura al vaglio di una interrogazione parlamentare che se darà esito negativo per il progetto rimarremo con un muro di cemento nel fiume e con l’ennesimo “pacco” di soldi buttati al vento. Vuoi per l’impatto ambientale, vuoi perché non serve a nulla, ma non ci si poteva pensare prima di farla? E poi Liri navigabile… ma da chi?

– E’ possibile che un’amministrazione comunale non riesca a risolvere il problema del centro Serapide riqualificandolo in qualche modo, evitando l’ennesima opera incompiuta in Italia?

– I cittadini sorani da circa un anno si sono trovati a dover affrontare la grana della richiesta di ACEA ATO5 di rimborsi per aumenti di tariffe relativi agli anni 2006-2011 cosa del tutto ingiusta, richiesta legale o illegale che sia, ma sicuramente molto dispendiosa per noi. E l’amministrazione comunale cosa ha fatto per questo? Proprio nulla, ogni battaglia è stata svolta singolarmente con raccomandate, ricalcoli sulle bollette, file agli uffici dell’ente ma che non ha portato a nulla visto che la Battaglia è stata persa forse anche perché le amministrazioni coinvolte non hanno fatto niente per evitarlo, ma hanno “solo” venduto l’ACQUA PUBBLICA.

– Abbiamo ricevuto bollette della Tari per importi che fanno paura. Mi spiegate come può una famiglia composta da 2 adulti ed un bambino di 4 anni in 50 mq pagare 400 euro per la tassa sui rifiuti?

– Quanti di noi hanno trascorso 20 minuti fermi al passaggio a livello in attesa del transito di 1 treno con 2 vagoni con a bordo il macchinista ed il controllore nel frattempo ci siamo chiesti: ma servirà questa ferrovia? Per non parlare dello stato in cui si trova il terreno ai lati dei binari con erbacce, cespugli e quant’altro di cui nessuno si è mai preso cura.

– Ultimamente è stato realizzato un parco giochi per bambini, rivolgendosi nuovamente alle tasche dei cittadini con lotterie e contributi vari (come per il restauro della Madonna delle Grazie), mentre quelli esistenti sono lasciati a marcire, vedi quello nei pressi dell’asilo di San Giuliano che è stato completamente abbandonato.

– Senza scendere nei particolari ma la vicenda dell’ospedale è stata risolta? Credo proprio di no. Questo è uno sfogo frutto di un accumulo di torti che noi sorani subiamo e notiamo quotidianamente ma credo che molti miei concittadini la pensano come me.

Saluti, Marco.»

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App