17 aprile 2014 redazione@sora24.it
LETTO 3.602 VOLTE

SORA – Omicidio Mario Grossi, aggiornamento ore 19:10

Anche la giornata di oggi si è conclusa nuovamente con un nulla di fatto. Sono passati ormai 4 giorni dall’omicidio di Mario Grossi, ma del corpo ancora nessuna traccia. Nonostante si continui a pensare che il cadavere possa trovarsi nel tratto di fiume compreso tra Compre e la diga di Valfrancesca, più volte scandagliato dai nuclei subacquei dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco, da unità cinofile, mezzi privati e quant’altro, oggi gli uomini del 115 si sono spinti con le loro imbarcazioni fino al centro di Sora, probabilmente con la speranza di trovare qualche traccia del povero 78enne. Nella foto li vediamo in azione nella zona del Ponte di Napoli.

DSC_0451

Nel tratto di fiume dove dovrebbe essere stato gettato il Grossi, tra l’altro, sarebbe stata rinvenuta una scarpa, ma secondo alcune indiscrezioni l’anziano ex giardiniere indossava degli stivali al momento dell’aggressione. Il caso si fa dunque alquanto complicato. Angelo Pellegrini e Sante Cipollone, nel frattempo, sono in carcere con l’accusa di omicidio ed occultamento di cadavere. Ma il cadavere ancora non c’è.

DSC_0460

Uno dei due avrebbe confessato di aver picchiato l’anziano, ma non con l’intenzione di uccidere. L’altro, invece, si sarebbe dichiarato estraneo ai fatti e avrebbe affermato di essere arrivato sul posto dopo il presunto incidente. Tutta la vicenda, comunque, resta per ora legata alla testimonianza della persona che avrebbe visto gettare Mario Grossi nel Liri allertando poi i Carabinieri di Sora. Ma per appurare la presenza di ferite sul corpo di Grossi e stabilire le cause della sua morte, sarà necessario, ovviamente, ritrovare il cadavere. Le ricerche riprenderanno domani. La zona di Compre, intanto, continua ad essere presidiata dalle forze dell’ordine.

DSC_0466

LA VICENDA:

Commenti

wpDiscuz
Menu