martedì 21 febbraio 2017 redazione@sora24.it

SORA – Opposizione sotto accusa: le irregolarità nelle nomine sarebbero state fatte dall’ex sindaco Tersigni

Il Sindaco di Sora risponde all'interpellanza dell'opposizione, riservandosi di valutarne con la massima attenzione tutti i profili, a tutela della propria immagine e di quella del Comune di Sora.

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma del Sindaco di Sora, Arch. Roberto De Donatis.

«Con riferimento agli articoli di stampa ed all’interpellanza presentata dai Consiglieri di opposizione a firma dei Consiglieri Luca Di Stefano, Maria Paola D’Orazio, Ernesto Tersigni, Valter Tersigni, si fa presente quanto segue.

La procedura di nomina dei dirigenti a tempo determinato è stata svolta nel rispetto delle regole vigenti, in quanto si è proceduto mediante un avviso pubblico che conteneva le regole della procedura ad avvisare tutti i soggetti interessati a presentare la propria candidatura, corredata dal curriculum vitae.

I curricula dei soggetti candidati, muniti dei requisiti previsti, sono stati esaminati da una Commissione tecnica, che come previsto dal bando ha provveduto ad esprimere un giudizio complessivo sui curricula rispetto alle funzioni che il candidato doveva andare a ricoprire. Per ciascun avviso sono stati ritenuti idonei quattro candidati (su sei richieste relative alla dirigenza del Settore Finanziario e cinque relative al settore Condono e Vigilanza) e tra questi il Sindaco, nel rispetto delle sue competenze, ha effettuato la scelta, come previsto dalla normativa vigente.

L’interpellanza della minoranza effettua una ricostruzione della vicenda estremamente fantasiosa e sorprende che tra i firmatari ci siano l’ex Sindaco ed un ex Assessore.

Sono proprio loro, oggi dispensatori di saggezza ed apparente conoscenza delle norme, che hanno provveduto a nominare Dirigenti a tempo determinato con deliberazioni di Giunta Comunale senza alcuna procedura di avviso pubblico, violando anche diverse norme a tutela della finanza pubblica. Si tratta, guarda caso, proprio della nomina effettuata nei confronti del Dirigente che nell’interpellanza i Consiglieri chiedono addirittura di reintegrare.

Il Sindaco, nell’assoluta tranquillità del proprio operato, ritiene di avere elementi a sostegno della correttezza dell’iter intrapreso, dimostrabile nelle sedi competenti, riservandosi di valutare con la massima attenzione tutti i profili relativi all’interpellanza, a tutela della propria immagine e di quella del Comune di Sora. Per completezza, poiché nell’interpellanza si traccia un iter obbligatorio per poter procedere alla nomina dei dirigenti che sembrerebbe non rispettato in precedenza, il Sindaco ha dato la direttiva agli uffici di verificare con attenzione tutti gli elementi riguardanti i precedenti incarichi conferiti sempre sulla base dell’art. 110 del Testo Unico degli enti locali dalla passata amministrazione».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA