venerdì 7 ottobre 2016 redazione@sora24.it

SORA – Pintori chiede all’amministrazione più velocità: «Domandare è lecito, rispondere è…»

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma di Fabrizio Pintori, Consigliere comunale e portavoce del Movimento Cinque Stelle di Sora.

«Da quando si è insediata la nuova Amministrazione il M5S ha presentato delle interrogazioni per fare chiarezza su alcuni provvedimenti. In base al Regolamento del Consiglio Comunale: “….Il Sindaco risponde alle interrogazioni ….. per iscritto, entro venti giorni dalla comunicazione della domanda ….”. La disposizione è chiarissima al riguardo e nonostante vi sia stata anche la possibilità (prevista dall’art. 43, comma 4 del Reg. Cons. Comunale) di rispondere verbalmente nelle precedenti sedute del Consiglio Comunale, giacciono ancora senza risposta le seguenti interrogazioni relative:

– ai “Contratti di Quartiere”;
– alle “Direttive ai dirigenti comunali in materia di gestione delle gare di appalto”;
– alla “Gestione degli impianti sportivi comunali” (della quale si è ricevuta una parziale risposta firmata da un dirigente comunale);
– al “Rimborso delle spese legali in favore di ex Amministratori comunali per procedimenti innanzi alla Corte dei Conti”.

Le interrogazioni sono state assunte al protocollo del Comune tra il 29 luglio e l’1 settembre u.s. Stupisce che chi ha assegnato una delega sulla Trasparenza tardi a rispondere. Qualche giorno o una settimana di ritardo possono anche essere comprensibili, ma non quando chi dovrebbe rispondere ha maturato un’esperienza decennale da amministratore pubblico. In qualche caso sì è arrivati a superare il mese di ritardo!

Con molto rammarico si deve constatare che era lecito attendersi una maggiore sensibilità e rispetto delle prerogative dei Consiglieri da parte di chi – almeno a parole – voleva distinguersi dalla precedente Amministrazione, ma nei fatti dimostra il contrario. Infatti, anche nelle scorse settimane, in altre circostanze (mancata richiesta del parere alla Commissione Bilancio per la delibera sull’assestamento di bilancio) il Regolamento del Consiglio Comunale non era stato rispettato.

Poiché si ritiene che questo comportamento di fatto incida sulla possibilità di esercitare appieno il ruolo di Consigliere Comunale dell’opposizione anche in questa occasione, come già fatto nel recente passato, sull’accaduto è stato informato il Prefetto con lettera inviata via PEC in data 4 ottobre u.s.. Per il futuro esortiamo l’Amministrazione De Donatis a rispettare le disposizioni contenute nel Regolamento in parola».

Commenti

wpDiscuz
Menu