15 gennaio 2014 redazione@sora24.it
LETTO 751 VOLTE

SORA – Vicenda Lsu, Tersigni: “Strumentalizzazione politica e spicciola demagogia”

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato emesso dall’Ufficio Stampa del Comune di Sora.

«Apprendiamo dai quotidiani di oggi la notizia che alcuni dipendenti dell’Ente, ex lavoratori socialmente utili stabilizzati il 31.12.2010, si sarebbero rivolti all’avvocato Rosalia Bono della lista “Insieme per Sora” per esprimerle “viva preoccupazione” sul proprio futuro professionale. E’, invece, di pochi giorni fa la notizia della firma dell’accordo raggiunto tra Regione Lazio e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per porre fine alla c.d. “emergenza dei lavoratori socialmente utili”. Il problema, vale la pena ricordarlo, è sorto dopo che la Corte dei Conti ha evidenziato e puntato aspramente il dito contro l’illegittimità della procedura di stabilizzazione degli ex lavoratori socialmente utili che moltissimi comuni della Regione hanno adottato a seguito della stipula e secondo i rigidi canoni dettati da un’apposita convenzione regionale.

L’adesione a detta convenzione che ha permesso la stabilizzazione a tempo indeterminato di ben 44 unità fu fortemente voluta nel 2010 dal Sindaco Ernesto Tersigni, nella sua veste di assessore provinciale al lavoro, e fu risolutamente favorita e sostenuta in consiglio anche dagli allora componenti di minoranza Agostino Di Pucchio, Salvatore Meglio e dallo stesso Tersigni i quali garantirono con la loro presenza il quorum necessario all’adozione della deliberazione C.C. n. 44/2010.

I termini dell’accordo che è stato siglato sono stati riportati sulle pagine di più quotidiani e di essi si è molto discusso a vari livelli politici. L’Amministrazione comunale, da parte sua, ha prontamente informato i dipendenti interessati sui termini dell’accordo al quale dovranno, comunque, seguire atti e provvedimenti regionali, rassicurato gli stessi e favorito l’incontro con le sigle sindacali di rappresentanza; proprio per il pomeriggio di giovedì è previsto in sala consiliare una riunione con il sindacato di base dei lavoratori in parola al quale prenderanno parte anche il sindaco e l’assessore al personale.

Ciò che spiace costatare è che c’è chi in una situazione già assai penosa per la sorte di tanti lavoratori ed in un clima già oltremodo teso non perde tempo per strumentalizzare politicamente la faccenda e smarrirsi dietro la spicciola demagogia, dimostrando di non aver affatto chiaro il nocciolo del problema che non è un problema del Comune di Sora o dell’Amministrazione Tersigni ma un problema nazionale e regionale che ha inaspettatamente investito l’Ente e del quale si sta cercando di arginare le conseguenze il più attivamente possibile.

Un ultimo cenno merita la lettera con la quale i responsabili di posizione organizzativa del Comune sono stati invitati a far fruire le ferie residue ai dipendenti ex lsu loro assegnati. Si è ritenuto opportuno far azzerare i residui ferie degli anni pregressi, è bene sottolinearlo secondo dei piani concordati con i dipendenti interessati, dopo che più di qualche ex lsu – del quale tuttavia si comprende pienamente lo stato d’animo e l’agitazione in un momento tanto delicato – ha minacciato di adire le vie legali per monetizzare le ferie maturate e ad oggi non ancora godute».

IL SINDACO
Ernesto Tersigni

Commenti

wpDiscuz
Menu