THE STARTUPPER - Ciociaria 2.0
mercoledì 10 maggio 2017 redazione@sora24.it

Sorani in Norvegia per rendere onore ai pittori che nell’800 dipinsero i nostri luoghi

“Alla fine dell’800 dipinsero i nostri contadini, artigiani e commercianti, il fiume e il nostro paesaggio. La luce degli artisti danesi e norvegesi resti accesa anche a Sora”.

E’ questa la traduzione delle frasi in inglese contenute nello striscione che un gruppo di sorani (alcuni partiti da Sora, altri da Milano e Monaco di Baviera) ha esposto sabato 6 maggio nel Museo d’Arte di Lillehammer in Norvegia, a circa 200 km a nord di Oslo. Della rappresentanza sorana ha fatto parte l’ing. Paolo Accettola socio del Centro di Studi Sorani “Vincenzo Patriarca” insieme al quale lo scorso anno ha collaborato con gli organizzatori della mostra nella preparazione del catalogo ed in occasione di alcune loro visite a Sora.

Nella cittadina che fu teatro delle Olimpiadi invernali del 1994 è in corso la mostra “Alla luce dell’Italia. Una comunità di artisti danesi e norvegesi tra il 1879 e il 1886”.
In essa sono esposte le opere di sette artisti (Krøyer, Peterssen, Meyer Ross, Skovgaard, Zahrtmann, Philipsen e Pedersen) che scelsero Sora e Civita d’Antino per sviluppare il loro stile pittorico influenzato dalla luce italiana richiamata nel titolo della mostra.

Molte di esse raccontano la Sora di fine ‘800 ed in particolare ritraggono il fiume Liri, il paesaggio dei dintorni della città, il mercato e la vita quotidiana dei suoi abitanti.
La mostra è l’esito di una collaborazione tra i musei danesi di Copenaghen e Viborg (Den Hirschsprungske Samling e Skovgaard Museet) nonché con il norvegese Lillehammer Kunstmuseum.
Dopo essere stata ospitata lo scorso anno nelle due città danesi chiuderà definitivamente i battenti il prossimo 4 giugno nello splendido museo di Lillehammer.

Ha suscitato interesse in Danimarca e Norvegia tanto da essere stata inaugurata a Copenaghen dal Ministro della cultura Bertel Haarder e dal Presidente del Parlamento norvegese Olemic Thommessen a Lillehammer. Secondo quanto dichiarato dal Direttore del museo Sven Olav Hoff di recente la mostra di Lillehammer è stata visitata anche dalla Regina Sonja di Norvegia.

Il Direttore Sven Olav Hoff e sua moglie Elisabeth hanno accolto ed accompagnato il gruppo proveniente da Sora in una visita guidata alle opere esposte. Era presente la signora Anne Holbø Wendelbo, discendente del pittore Kristen Halbø, le cui opere sono esposte nella collezione permanente del museo. Halbø fu allievo dei pittori che avevano vissuto a Sora e Civita d’Antino e, seguendo le loro orme, dipinse anche in Italia.

Il gruppo sorano è stato accompagnato dagli amici norvegesi, tra cui le ricercatrici di storia Dyveke Bast e Karin Solbraekken, anche in una visita al museo etnografico all’aperto di Maihaugen che conserva oltre 200 antichi edifici in legno ed è immerso nel verde di prati, piccoli laghi e boschi ben conservati. La visita si è conclusa con un brindisi di saluto offerto dal Direttore del museo nel giardino della sua dimora.

Chiaro è l’auspicio formulato dalla rappresentanza sorana che si è recata nel paese scandinavo: Sora sappia ricordare nei modi opportuni la storia dei pittori nordici che la scelsero come fonte di ispirazione. Una copia del catalogo della mostra, dono del Direttore del museo di Lillehammer, sarà consegnata alla biblioteca comunale di Sora a disposizione di tutti i cittadini interessati.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DI OGGI a Sora
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA