12 novembre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.472 VOLTE

Suor Rosella Soressi: l’addio nella chiesa di S.Restituta

Una folla imponente ha riempito oggi pomeriggio la chiesa di S.Restituta per dare l’estremo saluto a Suor Rosella Soressi, la religiosa tragicamente scomparsa alcuni giorni fa a seguito di un grave incidente stradale avvenuto a due ore da Bucarest. In Romania Suor Rosella si era stabilita dal 1992; nella scorsa primavera era riuscita a realizzare la sua opera più grande: un centro sociale proprio a Bucarest chiamato “Casa San Giuseppe”, dove accogliere i bambini rumeni, uomini e donne in difficoltà, destinati altrimenti ad un tragico destino.

Nell’omelia funebre, l’amministratore diocesano Mons Antonio Lecce ha ricordato quanto i bambini rumeni erano legati alla nostra sfortunata conterranea: in un viaggio nella zona d’azione di Suor Rosella, tra l’altro, Lecce vide proprio con i suoi occhi le dimostrazioni d’affetto di tantissimi piccoli sfortunati nei confronti della suora di Carnello.

Ma soprattutto, il nostro “vescovo pro tempore” ha sottolineato il coraggio di Suor Rosella nel chiedere sostegno e contributi per i bambini di una Nazione che, per usare un eufemismo, non gode di buona fama tra gli italiani tenendo conto soprattutto di molti fatti di cronaca. In ogni caso, la religiosa non si è data mai per vinta; ma ha continuato nella sua opera che, poco prima del suo addio alla vita terrena, ha regalato ai piccoli rumeni una struttura che resterà a loro disposizione, si spera, per molte generazioni. Rip.

Lorenzo Mascolo – Sora24

[nggallery id=720]

Commenti

wpDiscuz
Menu