30 maggio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 285 VOLTE

SUPERBIKE: GP USA. MELANDRI SUPER, BIAGGI ALLUNGA IN CLASSIFICA

MILLER PARK (USA) (ITALPRESS) – Marco “Macho” Melandri detta legge al Miller Motorsports Park. Sul circuito dello stato americano dello Utah, dov’era in programma il GP degli Stati Uniti, sesto appuntamento del Mondiale Superbike “monogommato” Pirelli, il centauro della BMW Motorrad conquista il secondo posto in gara 1, alle spalle di Carlos Checa (Althea Racing), e poi va a vincere la seconda manche, approfittando di una caduta dello stesso 39enne spagnolo e spuntandola al termine di un entusiasmante duello con Jonathan Rea (Honda World Superbike Team). Da applausi anche Max Biaggi (Aprilia Racing), terzo in entrambi i round: il Corsaro, protagonista di una bella rimonta in gara 2, consolida il primato in classifica generale, portandosi a +18 su Melandri e Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), oggi sottotono.
L’appuntamento statunitense era cominciato sotto il segno di Checa che in gara uno trionfa precedendo Melandri e Biaggi al termine di una fantastica prova che vede Rea a lungo ai ferri corti con l’iridato 2010. Per il 39enne spagnolo quinto successo in dieci gare al Miller Motorsports Park: nel 2008 doppietta con la Honda, le ultime tre volte con la Ducati al 311esimo trionfo nella storia del Mondiale e che proprio in questa gara ha tagliato il traguardo delle 600 corse (in 303 round). Sykes aveva guidato il plotone per cinque passaggi subendo poi l’attacco di Melandri, risalito in fretta dalla terza fila di partenza, e Checa. Il britannico ha poi concluso all’ottavo posto. Melandri è stato davanti per tre tornate, poi ha subito il contrattacco di Checa, che è andato al comando all’ottavo dei ventuno giri e non ha più mollato la posizione.
Ottime prestazioni anche per Eugene Laverty (Aprilia Racing) e Jakub Smrz (Liberty Racing Team Effenbert) partito dalla Tissot-Superpole e finito sesto.
Un po’ tormentata la seconda manche: durante il quarto giro Hiroshi Aoyama scivola e la sua Honda perde dell’olio costringendo i commissari di gara a esporre la bandiera rossa. Le operazioni di pulizia della pista si rivelano piu’ complicate del previsto con la ripresa slittata di volta in volta fino alla riapertura della pit-lane dopo quasi un’ora e mezza di sospensione. Alla ripresa Checa mantiene il comando davanti a Melandri, mentre dietro Sykes e Davies duellano per la terza posizione. Lo spagnolo è scatenato e giro dopo giro aumenta il vantaggio sul centauro della Bmw ma nel corso della sesta tornata scivola, buttando al vento il possibile bis. Melandri si ritrova in testa ma dietro Rea e Davies lo pressano, con Biaggi protagonista di una bella rimonta che lo porta fino al quarto posto. I quattro, racchiusi in meno di un secondo, si danno battaglia ma presto ecco Rea e Melandri giocarsi il successo mentre Davies e Biaggi si giocano l’ultimo gradino sul podio tra sorpassi e controsorpassi. Nell’ultimo giro Melandri beffa Rea e conduce in porto la vittoria, col campione del mondo 2010 che bissa il podio di gara 1, continuando a guardare tutti dall’alto della classifica piloti.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu