3 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 931 VOLTE

Terzo comunicato stampa di Giuseppe Cascone

Anche oggi  sembra doveroso porre alcuni quesiti, augurandomi che questa volta si riescano ad ottenere risposte politiche.

Partendo dal presupposto che le votazioni a scrutinio segreto, per definizione, dovrebbero essere “SEGRETE” e quindi nessuno dovrebbe entrare nei meriti di “CHI HA VOTATO COSA”, mi  chiedo come si possa insinuare che i 4 consiglieri comunali abbiano loro stessi “votato” per l’opposizione, facendo espressamente nomi e cognomi (la risposta è sempre “da indiscrezioni”!!! ).

Bene, sempre da “INDISCREZIONI” e con i dati dei risultati alla mano, mi permetto di dire che il famigerato QUINTO VOTO (che nessuno si permette di scrivere sui giornali) e che dalla maggioranza è andato all’opposizione possa essere attribuito ad un famigerato MISTER X (Sindaco o chi per lui).

POLITICAMENTE poi, IL DATO emerso è quello che il consigliere De Donatis, pubblicamente abbia espresso come candidato alla presidenza  Annarelli… uomo designato dalla vecchia amministrazione (centrosinistra), che comunque, prendendo 9 voti (1 di De Donatis e 7 dalla maggioranza e un altro sempre dall’opposizione) è stato riconfermato… nonostante sia stato attaccato non più di un mese fa dal nostro capogruppo… di cosa vogliamo parlare?

Se per coerenza sono state azzerate le deleghe a tutti i consiglieri, altrettanto andava fatto agli assessori (ricordando che dovrebbero essere i soggetti “sorretti” dai consiglieri) e soprattutto azzerare anche la delega a MISTER X (che se da indiscrezioni risulta essere il Sindaco, potrebbe essere un dato increscioso!).

Secondo il mio punto di vista, sempre perché siamo in un paese DEMOCRATICO, nessuno dovrebbe permettersi di asserire niente, soprattutto di fronte ad una votazione che doveva essere a SCRUTINIO SEGRETO, che ad oggi invece è diventata a SCRITINIO PALESE grazie a “INDISCREZIONI PROVENIENTI DA FONTI CERTE”.

Il mio parere credo che sia palese: bisogna assolutamente chiedere una “VERIFICA” (di giunta e di consiglio), e ripartire con presupposti ben diversi, dove ognuno lavorerà per le sue competenze, senza ostacolare l’operato degli altri amministratori, che per volontà sovrana del POPOLO sorano sono stati delegati a svolgere un RUOLO ben definito, senza favoritismi e compromessi.

Il consigliere Giuseppe Cascone

Commenti

wpDiscuz
Menu