3 luglio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 925 VOLTE

POESIE E DIALETTO SORANO (di Bruno La Pietra) – “Uìta e Morte” di Francescantonio Biancale

Con la Rubrica di poesia dialettale inizia una collaborazione dinamica con i lettori di Sora24 sulle tradizioni linguistiche sorane. Scopo della rubrica è proporre i testi di vecchie e nuove composizioni in vernacolo e, allo stesso tempo, raccogliere suggerimenti da parte dei lettori per archiviare il maggior numero di termini dialettali che non siano, però, presenti sul Vocabolario della Lingua Sorana a cura di Catenacci-Cinti-Di Vito-Petrozzi. Per cui, volendo fornire un supporto a questi nostri concittadini, attraverso la capacità di collegamento del sito di Sora24, potremo raccogliere molti termini inediti e che rischiano di scomparire. Coloro che parteciperanno saranno menzionati nella tabula gratulatoria della nuova edizione del Vocabolario stesso. Chiunque volesse sottoporre a questa rubrica anche delle composizioni poetiche o anche piccoli racconti, aneddoti, brani che riguardano la storia della nostra città potrà inviarli all’indirizzo redazione@sora24.it. La pubblicazione sarà subordinata alla scaletta preparata e alla qualità del testo a giudizio insindacabile della redazione.

Bruno La Pietra

[spacer style=”1″ icon=”none”]

“Uìta e Morte” di Francescantonio Biancale

Era própia ‘ne jorne ‘e Carneuale:
fridde. La nèue ‘n cim’ a lle mentagne
ghianca, jelata. ‘Mmerne tal’ e quale
a marze: ‘n terra, ‘n cele, a lle campagne.

‘N cim’ a glie Ponte ‘e Ferre, a Carneuale,
‘na mamma, passe passe, senza chiagne,
se facéua sol’ essa i’ funerale:
i’ carrettone, i’ prete e gli’ acchempagne.

‘Na mmascarata ? Ohibbò ! Ma scáusa e sola
‘nche ‘na cassetta ‘n cape, a Campesante,
comme ‘ne sacche ‘e rane uà a lla mòla,

pertàua ‘ne uttaréglie morte e sante !
E ‘ntorne ‘ntorne a chella mamma sola
redéuene quatte mmaschere bbabbiante ! …

da. Fiure ‘e Jemata
Tip. Camastro – Sora, 1925

Per scrivere a Bruno La Pietra: brunolapietra@sora24.it

Commenti

wpDiscuz
Menu