11 novembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 7.390 VOLTE

Un’azienda di Sora tratta l’acquisto dello stabilimento Ilva di Patrica

La trattativa pare a buon punto. Ci si aspetta una conclusione positiva, nel rispetto del Piano industriale e del mantenimento della produzione nel sito di Patrica e degli attuali livelli occupazionali

Dai contenuti di questo testo emesso dalla segreteria politica dell’on. Pilozzi, apprendiamo che l’acquisizione dello stabilimento Ilva di Patrica sarebbe nel mirino di un’azienda di Sora, la Bruni Industry Spa. Di seguito la nota stampa.

«Sin della mia elezione alla Camera dei Deputati, mi sono interessato alla vertenza dell’Ilva di Patrica: oltre un anno fa è stato approvato un mio ordine del giorno con il quale si impegnava il Governo a salvaguardare il futuro produttivo e occupazionale dello stabilimento. L’ultimo atto, una mia interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico, è stato presentato lo scorso 30 ottobre, allo scopo di sollecitare una rapida chiusura delle trattative circa la possibile cessione dello stabilimento di via Morolense. Oggi non posso che esprimere soddisfazione, dunque, riguardo la possibilità di concludere positivamente la vicenda che ha messo a serio rischio decine di posti di lavoro”.

Queste le parole dell’Onorevole Nazzareno Pilozzi nell’apprendere che la discussione tra ILVA e Bruni Industry Spa procede con profitto. L’azienda sorana ha infatti partecipato ai tavoli tenutisi al MISE, presentando una proposta di acquisizione gradita alla direzione aziendale ILVA.

“Continuerò a vigilare – prosegue Pilozzi – affinché la trattativa vada a buon fine, nel rispetto del Piano industriale e del mantenimento della produzione nel sito di Patrica e degli attuali livelli occupazionali. Spero che il prossimo incontro al MISE, concordato per la prima settimana di dicembre, possa portare allo scioglimento delle riserve da parte di tutte le parti sociali e – conclude il deputato –, per il benessere dei lavoratori, auspico che la faccenda si concluda positivamente quanto prima».

Commenti

wpDiscuz
Menu