22 febbraio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 550 VOLTE

Venerdì 24 febbraio Marco Boato a Sora per gli incontri culturali

Venerdì 24 febbraio, ore 17, nella  Sala “V. Gioia”  presso la Prepositura di S. Restituta Marco Boato protagonista dell’ incontro  a cura del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca” Parlerà su:”Alexander Langer, testimone e profeta del nostro tempo”.

Un incontro che assume un  grande valore culturale e sociale. È  quello che avrà luogo venerdì, 24 febbraio 2012, alle ore 17, nella Sala “V. Gioia”, presso la Prepositura di S. Restituta in Piazza Alberto La Rocca, nell’ambito delle proposte curate dal preside Luigi Gulia, presidente del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”. Sarà presente Marco Boato, anche egli un interprete originale e  certamente testimone autentico del nostro tempo. L’ex deputato  parlerà di Alexander Langer (1946 – 1995),  con cui nel 1978 fondò il movimento politico “Nuova Sinistra – Neue Linke” ed a ricordo del quale, nel 2005 hapubblicato “Le parole del commiato”, a dieci anni dalla morte volontaria dell’amico. Marco Boato è nato a Venezia, dove ha seguito gli studi liceali, vive a Trento dal 1963, anno in cui ottiene il Premio Nazionale “Enciclopedia Italiana”. Studente in Sociologia, fonda nel 1964 il “Gruppo democratico intesa universitaria trentina”, di ispirazione cristiana, ma laico sul piano programmatico. Frequenta la FUCI, gli universitari cattolici; lavora poi per l’Ufficio Studi delle ACLI del Veneto.

Negli anni post-conciliari è redattore di “Dopoconcilio” a Trento e di “Questitalia” a Venezia. Pubblica “Contro la Chiesa di classe. Documenti sulla contestazione ecclesiale in Italia”. Nel Movimento Studentesco è uno dei leaders del ’68 trentino e italiano. Si laurea con Francesco Alberoni ed  è assistente di Emanuele Severino all’Università di Venezia. Poi è  ricercatore e docente di Sociologia all’Università di Padova. Dal 1972 è iscritto all’ordine dei giornalisti come  pubblicista. Dopo l’esperienza di “Lotta Continua”, è membro dal 1973 dei “Cristiani per il socialismo”. Nel 1978 fonda, come abbiamo già ricordato prima, insieme ad Alexander Langer, il movimento politico “Nuova Sinistra – Neue Linke” e pubblica, con Sandro Boato, “Sinistra e questione cattolica in Italia e nel Trentino”. Nel 1979 pubblica “Il ’68 è morto!”.

Lo stesso anno viene eletto alla Camera dei Deputati come indipendente nelle liste radicali. Nel 1981 tiene il più lungo discorso della storia parlamentare, in 18 ore e 5 minuti. Alla fine del 1982, con Alexander Langer, promuove in Trentino Alto Adige la nascita del movimento ecologista dei Verdi, che poi si diffonde a livello nazionale. Nel 1987 è eletto senatore del Collegio di Trento. Rieletto alla Camera nelle legislature 1992-94, 1996-2001, 2001- 2006. È componente delle Commissioni Bicamerali sulle riforme istituzionali “De Mita-Iotti” e “D’Alema”, in cui è relatore sulla giustizia e sul sistema delle garanzie. Membro più volte dell’Ufficio di Presidenza della Camera e presidente del Gruppo Misto. Presentatore di molte leggi approvate, è primo firmatario e relatore della legge costituzionale dell’art. 68  della Costituzione e della legge costituzionale per l’eliminazione della pena di morte dell’art. 27 della Costituzione. Poi, nel 2005, appunto, pubblica “Le parole del commiato”, in memoria di Alexander Langer.

L’invito a partecipare all’ incontro non  è rivolto solo ai soci del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca,  ma  è aperto  a quanti sono interessati all’ argomento proposto; a tutti, insomma, anche in considerazione della levatura e della  ricca e significativa storia personale di Marco Boato. La presenza e la collaborazione di  Marco Boato  si devono a ragioni di stima e di nobile disponibilità sia per Sora che per il presidente del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”, preside Luigi Gulia. Il relatore con la sua competenza, le sue lotte, la testimonianza, l’esperienza e la sua  alta qualificazione umana, garantirà sicuramente  una validissima  occasione culturale e sociale di conoscenza e di dialogo.

Gianni Fabrizio.

Commenti

wpDiscuz
Menu