7 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 622 VOLTE

Violenza sulle donne: il centro STELLA POLARE costretto a chiudere per mancanza di fondi

In occasione della festa dell’8 marzo troviamo molte iniziative che mirano allo svago, al divertimento, trascurando forse il vero senso di questa ricorrenza. Non volendo qui ripercorrere gli avvenimenti che hanno fatto scatenare le donne,  non in un pub intorno a cocktail e spogliarelli, bensì in piazza, a protestare per il diritto al lavoro, al rispetto della dignità umana e alla possibilità di diffondere una cultura per le pari opportunità.

Vogliamo lanciare un piccolo messaggio in questa giornata, cercando di stimolare la riflessione di uomini e donne su di un tema tanto antico quanto, purtroppo, ancora molto attuale: LA VIOLENZA SULLE DONNE. Lo facciamo in quanto operatrici del Centro Antiviolenza di Sora STELLA POLARE di Sora che da anni sostiene le donne nel percorso di uscita dalla violenza. L’esperienza nel centro ci ha insegnato che spesso è proprio la scarsa autostima, la scarsa fiducia nelle proprie risorse e nelle proprie capacità a vincolare le donne,  a trascinarle ed incastrarle in relazioni soffocanti, violente, basate solo su ricatti, false promesse, umiliazioni, isolamento. Invece, nel percorso di “rinascita”, si scoprono donne forti, volenterose, piene di entusiasmo e di voglia di rimettersi in gioco, alla ricerca della propria strada verso la serenità.

La riflessione che oggi chiediamo alle donne è quella di fermarsi ad ascoltare le proprie esigenze, i propri interessi, guardare le proprie risorse e mai lasciare che il proprio destino dipenda completamente dalla persona che ci affianca nel viaggio della vita.

Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato nell’offrire un servizio di sostegno alle donne vittime di violenza. In particolare ringraziamo l‘Assessore alle pari opportunità del Comune di Sora Maria Paola D’ Orazio, promotrice di numerose iniziative di supporto al centro antiviolenza Stella Polare di Sora, costretto oggi a sospendere il proprio lavoro a causa della mancanza di fondi. Diamo con molto rammarico questa notizia, dispiaciute soprattutto per tutte le donne che in questi anni si sono rivolte al centro, per tutti i bambini ospitati presso la casa famiglia, per tutti i collaboratori del servizio e per tutte coloro alle quali siamo state di aiuto. La nostra forza ed il nostro ottimismo ci consentono di dare un arrivederci, fiduciose che a breve riusciremo a trovare le risorse per proseguire il nostro lavoro e riaprire le porte del centro. Intanto, grazie di cuore a tutti.

Lo staff

Commenti

wpDiscuz
Menu