venerdì 4 gennaio 2013 redazione@sora24.it

Violenza sulle donne: mentre il mondo guarda l’India gli italiani fanno gli indiani

Eccomi qui. Non avevo voglia di scrivervi stasera. Stanchezza post veglione, mal di testa eccetera…Ma il post su facebook del mio amico Valter Tersigni mi ha scosso dal torpore. E quindi partiamo da Valter: non il fratello del sindaco di Sora ma il dipendente della AgustaWestland, che stasera ha scritto:

“Da giorni ci tempestano di notizie sulle violenze alle donne indiane (violenze per cui sono profondamente indignato), però non nascondiamo la testa sotto la sabbia…Dall’Italia ogni anno 80mila persone (porci) partono verso i luoghi del turismo sessuale minorile in Repubblica Domenicana, Colombia, Brasile, Kenia! Questo mi fa veramente schifo!”.

Sin qui Valter da Sora. Senza andar troppo lontano l’asse attrezzato tra Frosinone e Ferentino è fornitissimo, nere-bianche, est-ovest, trans, e fa affari d’oro di giorno e di notte. Dunque, tra violenza e prostituzione, nell’Italia maschilista impera l’ipocrisia sulle donne.

Perciò la condizione femminile nella nostra Nazione sessista  è ancora molto lontana dai parametri dei paesi civili. Non ci resta che riempirci la bocca di festa della donna, quote rosa in politica e mimose una tantum. Intervallate dalla cruda cronaca, come quella recente di Como dove un uomo ha massacrato la moglie a calci in testa (questo il link per approfondire  www.today.it ).Cosa fare? parlarne per renderci conto di quanto siamo rimasti indietro.

Sacha Sirolli

Commenti

wpDiscuz
Menu