5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 932 VOLTE

1800 frustate ai neonati d’Italia (di Lorenzo Mascolo)

Milleottocento frustrate ai neonati d’Italia. Solo così può essere definito il numero di emendamenti pronti ad essere “lanciati” dai vari gruppi politici in Parlamento nel maldestro tentativo di affondare o quantomeno ritardare l’approvazione del decreto per la spending review. Gli stessi gruppi che ieri hanno votato, a questo punto ipocritamente, l’impegno dell’Italia a rispettare il pareggio di bilancio.

Il debito pubblico cresce? Chi se ne importa. Rischiamo di chiedere l’intervento del fondo salva stati assoggettandoci per decenni ai paesi europei più in salute, come se avessimo perso un’altra guerra? Problemi di chi verrà in futuro, ossia di quei piccoli italiani che oggi emettono i primi vagiti. L’importante, per deputati e senatori, è difendere i loro voti nascondendo agli elettori la verità che Cristobal Montoro ha confessato ieri pubblicamente al Parlamento di Madrid, ossia che “non ci sono soldi per pagare i servizi pubblici”.

La Spagna delle tredicesime abolite e sull’orlo della guerra civile non ci fa ancora paura, eppure tra sei mesi potremmo trovarci nella stessa situazione visto che il nostro spread è distante solo 100 punti da quello iberico. Ciononostante i “conducenti” del sistema Italia continuano indifferenti a fare i “precisini” con il governo Monti anche su questioni elementari come l’abolizione delle Province, che invece dovrebbero essere cancellate tutte senza indugi né ridicoli accorpamenti. Uno zelo totalmente di facciata, perché nel frattempo la loro mente non viene minimamente sfiorata dall’idea di diminuirsi lo stipendio.

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu