1’ di lettura

Alessandro Casinelli: il Gup di Reggio Calabria condanna Giorgio Rea a risarcire un rilevante danno economico-patrimoniale all’imprenditore sorano

Il Giudice di Reggio Calabria ha riconosciuto la responsabilità penale di Giorgio Rea, l’ex socio di Alessandro Casinelli.

In merito alla vicenda giudiziaria che ha visto tra i protagonisti l’imprenditore sorano Alessandro Casinelli, èstata depositata venerdì la motivazione, relativa alla sentenza del 5 maggio scorso, emessa dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Reggio Calabria.

Alessandro Casinelli

L’Autorità Giudiziaria reggina ha disposto, unitamente ad altri capi della decisione, anche la condanna di Giorgio Rea a risarcire un rilevante danno economico-patrimoniale, in favore di Alessandro Casinelli, per sottrazione del compendio pignorato.

Il Giudice di Reggio Calabria ha riconosciuto la responsabilità penale di Giorgio Rea, l’ex socio di Alessandro Casinelli che, dopo aver acquistato da quest’ultimo il 95% di Villa Aurora, vendeva ad una terza persona a lui riferibile, le quote societarie per l’importo di sole 9.500 euro, a fronte del diritto di pegno costituito in favore dello stesso Alessandro Casinelli, ammontante a circa 1 milione di euro disperdendo, in tal modo, la garanzia del creditore.

Il Giudice dell’udienza preliminare, a seguito della quale Giorgio Rea, per questo e per altri reati, era stato condannato complessivamente alla pena di anni 6 di reclusione, rimetteva poi le parti davanti ad altro Giudice in sede civile, per la definitiva quantificazione dei danni economici e patrimoniali subiti nella vicenda da parte dell’industriale Alessandro Casinelli.