Calci e pugni ai Carabinieri e vasi pieni di terra lanciati sull’auto di servizio: arrestato 28enne

20 Gennaio 2021 @ 15:40
I due militari, sottoposti alle cure del caso presso il Pronto Soccorso di Cassino per le contusioni riportate, sono stati giudicati guaribili in pochi giorni.

Nella notte tra Lunedì 18 e Martedì 19 Gennaio, ad Arce, i Carabinieri della Stazione di Ceprano, coadiuvati dai colleghi di Ripi, traevano in arresto per “Violenza e resistenza a P.U.; minaccia; danneggiamento; lesioni ed ingiuria” un 28enne del luogo, già censito per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Il padre dell’arrestato – come si evince dalla nota stampa divulgata dal Comando Provinciale di Frosinone – aveva richiesto l’intervento dei Carabinieri poiché vittima di un’aggressione da parte del figlio in stato di alterazione psicofisica. Giunti sul posto i militari hanno tentato invano di calmare il ragazzo, ma lo stesso alla loro vista ha scagliato contro l’auto militare pesanti vasi pieni di terra, colpendo i due Carabinieri con calci e pugni.

Grazie anche al supporto dei colleghi della Stazione Ripi, il ragazzo è stato bloccato, riportato alla calma e tratto in arresto. Al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’A.G., l’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari, mentre i due Carabinieri, sottoposti alle cure del caso presso il Pronto Soccorso di Cassino per le contusioni riportate, sono stati giudicati guaribili in pochi giorni.