venerdì 7 dicembre 2012

Ci risiamo, ci chiudono l’Ospedale. Vogliamo continuare a subire oppure vogliamo reagire? (di Lorenzo Mascolo)

Si profila all’orizzonte un pesante ridimensionamento per l’ospedale di Sora. Da alcune indiscrezioni risulta che saranno chiusi tre reparti del SS.Trinità: Ostetricia-ginecologia, Pediatria e Neonatologia. Questo significa che a Sora non nasceranno più bambini. A rischio anche Ortopedia e Nefrologia, per un totale di 50 posti letto. Se questo colpo di scure si trasformasse in realtà, il SS.Trinità scenderebbe a 120 posti con tutte le conseguenze che si possono immaginare.

Stanotte ho dormito poco e male, perché ero a conoscenza della notizia già da ieri sera; ma non ho avuto né il coraggio né la forza di scriverla. Al di là dell’attentato alla Soranità c’è da aggiungere che i reparti destinati alla chiusura, a meno di notizie diverse che attendiamo con speranza, sono tra i migliori del nosocomio sorano e non solo. I medici e le ostetriche che vi lavorano sono encomiabili; a loro, comunque vada, voglio esprimere tutta la mia gratitudine.

Con quale criterio tecnico si chiudono reparti ospedalieri gestiti da personale competente ed efficiente? Non ne ho idea. Ma non voglio rassegnarmi, perché la sensazione di svuotamento interiore che ho provato ieri sera, quando ho saputo dei tagli, raramente mi era capitata prima. Probabilmente sono troppo accanito, troppo estremo; mi hanno detto che non potrò mai fare politica per questa città perché andrei in rianimazione 10 minuti dopo dal conseguimento della carica. Può darsi, ma anche fosse vero non avrei problemi a rinunciare alla politica, perché ciò che più conta per me non è salire sul piedistallo e urlare con il megafono come ho fatto tante volte negli ultimi anni; al contrario, voglio solo avere la certezza che voi lettori abbiate ancora voglia di lottare per questa città. E che siate disposti a tramandare tale voglia ai vostri figli. Del resto non mi interesssa niente.

E allora, sapendo che l’Ospedale di Sora era, è e sarà perennemente sotto attacco (se non lo chiuderanno oggi ci riproveranno domani) vi chiedo: vogliamo continuare a subire oppure vogliamo reagire?

Lorenzo Mascolo – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu