7 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 198 VOLTE

CRISI: CONFCOMMERCIO "CONSUMI ANCORA IN CALO, SONO SUI LIVELLI DEL 2006"

ROMA (ITALPRESS) – L’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) segnala ad aprile una riduzione del 2,8% su base annua – quinto risultato negativo consecutivo da dicembre scorso e il peggiore da marzo 2011 – ed una flessione dello 0,3% rispetto a marzo. Nel mese di aprile 2012 ci sono state 19 giornate lavorative a fronte delle 20 di aprile 2011. Il dato su base mensile conferma, comunque, la tendenza di calo dei consumi, che sono su livelli analoghi a quelli del 2006. “I dati sui consumi si inseriscono in un quadro che evidenzia per tutti gli indicatori congiunturali, qualitativi e quantitativi, un deterioramento della situazione economica – sottolinea Confcommercio -. Stando alle prime stime di Confindustria, a maggio la produzione industriale ha registrato una diminuzione dello 0,6% in termini congiunturali; in ulteriore ridimensionamento sono risultati, nello stesso mese, gli ordinativi (-0,9%). Il quadro potrebbe peggiorare, gia’ a giugno, a causa dello stop produttivo imposto dal sisma di fine maggio in Emilia (Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Bologna con danni nelle province di Mantova e Rovigo), un’area che contribuisce per circa il 4% alla creazione della ricchezza nazionale. Nel mese di aprile, secondo le stime provvisorie dell’Istat, il tasso di disoccupazione e’ salito al 10,2% (35,2% per la fascia 15-24 anni). Come gia’ segnalato nei mesi precedenti, il sensibile aumento dei disoccupati (oltre 600 mila in un anno) e’ solo in parte imputabile alla riduzione del numero di occupati, riflettendo essenzialmente una diminuzione degli inattivi tra i 15 ed i 64 anni”.

Fonte: www.italpress.com

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu