venerdì 28 dicembre 2012

Forse i Maya si riferivano ai Comuni del Sorano? (di Lorenzo Mascolo)

Oggi pomeriggio un mio amico di Arce ha postato la seguente frase sulla mia bacheca Fb: “Credo sia opportuno far sentire la voce politica di tutta un’area malconsiderata. Tutto il centro-sud della provincia è miseramente rappresentato e difeso. Sora e Isola potrebbero esprimere tranquillamente un personaggio di spessore, ma il campanilismo cittadino porta ad avere sempre polvere tra le mani”.

Come si dice: piglia, incarta e porta a casa. La suddetta analisi è tanto veritiera quanto significativa, nel senso che buona parte degli abitanti del comprensorio si aspetterebbero quantomento una solida unità di intenti politici tra Sora e Isola del Liri, che oramai sono una città unica e insieme dovrebbero rappresentare il motore di tutta l’economia locale. Dovrebbero. E invece niente, perché Sora e Isola del Liri sono sapientemente controllate attraverso il caro vecchio metodo “Divide et impera”, con il quale si riescono a tenere a bada due realtà locali che unite farebbero molta paura.

Tale metodo, per chi non lo sapesse, è applicato al nostro comprensorio da 85 anni. Un noto politico del cassinate, ad esempio, che recentemente ha riempito la città di manifesti “gialloblu”, nel 1991 fu uno dei fautori della bocciatura del Comune di Lirinia in Consiglio Regionale. La seconda della storia, perché 64 anni (nel 1927 ndr) prima, l’allora prefetto della neonata Provincia di Frosinone si guardò bene dall’approvare la richiesta di accorpamento dei Comuni di Sora e Isola del Liri, in quanto tale unione avrebbe dato vita alla città più popolosa della provincia, con inevitabili ripercussioni negative sugli equilibri di potere appena imposti dal fascismo.

Oggi la nostra situazione non è molto differente rispetto al passato (dal 1961 al 2012 Sora è cresciuta di soli 3000 abitanti); ma mentre nel dopoguerra abbiamo potuto usfuruire del tandem Senese-Andreotti, ottenendo la Cartiera del Sole, la Caserma militare, la Scuola della Guardia di Finanza (persa successivamente da pivelli), l’Università (persa anche quella da polli), le Superstrade, l’Ospedale, ecc., attualmente non abbiamo riferimenti politici per difendere quel poco che ci rimane. Pertanto, se non eleggeremo nostri rappresentanti alla Regione, alla Camera e al Senato, rischieremo quotidianamente di perdere qualcosa.

L’ospedale stesso, tanto per fare un esempio, tornerà sulla graticola a partire da Marzo 2013 (dopo le elezioni), poiché sulla sua testa pende ancora la condanna di un piano aziendale che lo vuole degradato al rango di nosocomio di base, ossia dotato di Pronto Soccorso e reparti di Medicina, Chirurgia e (forse) Ortopedia. Dopo il SS.Trinità, vista la crescita demografica prossima allo zero nei nostri Comuni, probabilmente inizieremo a perdere anche le scuole (in Valle di Comino ne sono state già chiuse un paio e molti istituti di Sora sono in evidente difficoltà); a seguire i negozi e dulcis in fundo le poche fabbriche attualmente ancora in piedi. Immaginando questo devastante panorama mi viene in mente un quesito, tanto ironico quanto amaro: forse i Maya si riferivano ai Comuni del Sorano?

Lorenzo Mascolo – Sora24

Sergio Cippitelli

Commenti

1978/2018: D'Arpino e Pantano festeggiano 40 anni di Passione per la casa! A Febbraio sconti dal 10% al 50%

Devi rinnovare il tuo bagno? Problema risolto! Ecco una soluzione pronta per te, ma attenzione: è valida solo fino alla fine del mese!

E tu che "Tipo" sei??? Be Free o Be Free Plus? Nuova grande iniziativa by Jolly Auto!

Da Jolly Auto, concessionaria FCA del Gruppo Jolly Automobili, parte una fortissima azione di marketing in collaborazione con Leasys.

Superstrada Sora-Cassino, a breve la riapertura tra Sant'Elia e Belmonte
22 ore fa
4

FROSINONE TODAY - Buone notizie per  gli automobilisti che percorrono la superstrada Sora-Cassino. Sabato 24 febbraio pv, dalle ore 9:00, sarà riaperto, in ...

Sora: don Gerardo porta benissimo. Prima vittoria al
4 ore fa

SORA24 - Festeggia finalmente una vittoria, la prima al PalaGlobo “Luca Polsinelli” la BioSì Indexa Sora intascando in quattro set tutta la ...

Ceccano, prima alza la voce poi le mani: cliente picchia commercialista
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Botte da orbi questa mattina nello studio di un noto commercialista di Ceccano. La motivazione? Il professionista non aveva ...

Pericoloso ed attaccabriche, arrestato per sicurezza su ordine del Tribunale
1 giorno fa

FROSINONE TODAY - Nonostante la condanna che pendeva sulla sua testa, come una 'Spada di Damocle'', ha continuato ad avere un comportamento rissoso, ...

La palpeggia e le infila le mani nelle parti intime. 20enne di Veroli denuncia il datore di lavoro per violenza sessuale
6 ore fa

FROSINONE TODAY - Per lungo tempo, così come avviene per molte donne, aveva sopportato le molestie sessuali del suo datore di lavoro. Lei, ...

La Volvo XC60 è l'auto più sicura del 2017 secondo i test Euro NCAP
2 giorni fa

AUTOSHOW24 - La XC60 ha ottenuto un punteggio altissimo, il 98%, nella categoria Occupanti Adulti e nella sua classe di appartenenza, Grandi SUV/...

Inossidabile Fiesta: la piccola di casa Ford diventa grande
3 giorni fa

AUTOSHOW24 - Stavolta ce n'è davvero per tutti, dai drivers basic a quelli più esigenti. La nuova Ford Fiesta si è presentata al ...

E tu che Tipo sei? Be Free o Be Free Plus?
4 giorni fa

AUTOSHOW24 - Jolly Auto, in collaborazione con Leasys, azienda leader europea nel noleggio a lungo termine, ha studiato una strepitosa formula rateale ...

Europrogetto DTT, la Regione Lazio ha candidato Frascati
2 giorni fa

THESTARTUPPER - Realizzare in sette anni un impianto in grado di fornire energia elettrica da fusione nucleare entro il 2050. Si chiama DTT, Divertor Tokamak Test ed e' il progetto europeo a cui la Regione Lazio ha candidato il centro Enea di Frascati.

Meno operai, solo specializzati e trasversali: ecco il futuro del Lavoro
2 giorni fa

THESTARTUPPER - Il futuro del mondo del Lavoro in provincia di Frosinone. L'analisi del Consiglio Generale Cisl riunito a Fiuggi. La radiografia del settore. Le prospettive. Le vertenze aperte. I risultati raggiunti. No ai populismi. Ecco dove stiamo andando.

La Birra dell'anno? Viene prodotta in 5 aziende del Lazio
4 giorni fa

THESTARTUPPER - Cinque birre laziali conquistano la medaglia nella XIII edizione del premio 'Birra dell'Anno' promosso da Unionbirrai. I numeri di un fenomeno industriale in crescita.