5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 851 VOLTE

Gli stipendi dei parlamentari sono ancora troppo… bassi (di Lorenzo Mascolo)

Circa due ore fa abbiamo comunicato che presso l’Ufficio Elettorale e l’Urp del Comune di Sora sono disponibili i moduli per il Referendum Anti-Casta. Alle 15:00 la notizia è stata letta meno di 200 volte, poco o niente per i numeri a cui è abituato Sora24 nel caso di informazioni importanti.

Che significa tutto ciò? Che degli stipendi d’oro dei parlamentari, delle pensioni da diecimila euro (quando va bene) erogate agli ex onorevoli, nonché di tutti i privilegi dei quali gode la cosiddetta Casta non ci interessa niente. Abbiamo altri problemi per la testa? Può darsi ed è comprensibile. Abbiamo paura? Non saprei dire in base a cosa, però potrebbe essere anche questo. Siamo rassegnati? Probabilmente si.

Forse gli stipendi dei parlamentari sono ancora troppo bassi, oppure noi italiani stiamo ancora così bene che non sentiamo la necessità di suonare ai citofoni degli onorevoli per chiedere loro di condividere con noi la crisi. Sarà quel che sarà, ma poiché sui numeri non si discute dobbiamo ammettere che siamo un popolo attento, che protesta, organizza rivoluzioni ideali ed immagina un Paese più giusto. Tutto ciò comodamente seduti al bar.

I principali quotidani nazionali annunciano oggi che lo Stato sta iniziando la dismissione del suo patrimonio immobiliare per contrastare il debito pubblico provocato anche dagli emolumenti esagerati versati sui grassi conti dei nostri politici. Noi italiani leggiamo, alziamo lo sguardo e diciamo scuotendo il capo con espressione disgustata: “è tutto un magna magna!”. Dopodiché riteniamo concluso il nostro compito civile e continuiamo a sorseggiare una dissetante bibita ghiacciata.

Lorenzo Mascolo – Sora24

Sono disponibili presso il Comune di Sora (Ufficio Elettorale e Urp) i modelli per la raccolta delle firme necessarie all’indizione del REFERENDUM ANTI-CASTA, più precisamente REFERENDUM ABROGATIVO PARZIALE SULLA LEGGE PER LE INDENNITA’ PARLAMENTARI(art.2 L.31/10/1965 n.1261). Bisogna affrettarsi perchè il termine ultimo è la fine del corrente mese di Luglio 2012.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu