6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 657 VOLTE

Gramazio e Marino alla scoperta dell’acqua calda (di Lorenzo Mascolo)

A quanto pare due senatori della Repubblica, Domenico Gramazio e Ignazio Marino, hanno scoperto l’acqua calda, ovvero si sono accorti dei guai che passano ogni giorno gli italiani nelle corsie degli ospedali pubblici. Capiamoci subito: con il termine “italiani” non ci riferiamo solo ai malati, bensì anche a coloro che li assistono, poiché nella storia contraddittoria e paradossale della Sanità nazionale entrambi appartengono alla categoria delle vittime.

Ciò che i due politici hanno visto ieri all’Umberto I di Roma, gridando subito allo scandalo, è normale routine anche presso l’ospedale SS.Trinità di Sora, che, non essendo un nosocomio contenuto nelle mura metropolitane, non gode dei riflettori mediatici e delle attenzioni della politica che conta.  Da anni i cittadini segnalano lo stato di disagio che vive il pronto soccorso volsco, palesemente sottodimensionato per tenere testa a 120 mila utenti. Le risposte, purtroppo, arrivano sempre troppo lentamente, perché ciò che accade fuori dal GRA interessa poco o niente.

Quel che fa più male è la continua mortificazione della dignità umana, apparentemente “vendicata” con lo scandalo mediatico. Quest’ultimo, infatti, è la via più facile per nascondere la realtà, ossia che proprio la politica è la prima ed unica responsabile di quel che succede quotidianamente nella “piazzetta” dell’Umberto I. Da domani, purtroppo, tutto sarà dimenticato e i malati continueranno a stazionare nei corridoi del pronto soccorso in attesa di assistenza o della morte. Nel frattempo: si continueranno a costruire ospedali perché bisognerà far rientrare il costruttore dall’investimento effettuato su un candidato; si continueranno ad aprire e chiudere reparti secondo la logica politica e non a seguito di un ragionamento tecnico;  si continuerà ad andare a nozze con il club dei cattedratici nepotisti, che parlano agli allievi di meritocrazia ma agiscono solo ed esclusivamente negli interessi di “famigghia”.

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu