6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 352 VOLTE

Il PSI ribadisce il supporto a De Donatis e bacchetta la giunta Tersigni

Desideriamo ringraziare le elettrici e gli elettori di Sora che, alle ultime elezioni comunali, hanno scelto i candidati e le candidate della lista del Partito Socialista Italiano e il candidato a Sindaco Roberto De Donatis. Anche se i voti di lista ottenuti non ci hanno permesso di eleggere un Consigliere comunale, continueremo comunque la nostra azione politica tra la gente, ed avanzeremo le nostre proposte ed i nostri progetti in Consiglio comunale tramite il Consigliere Roberto De Donatis, oggi unico rappresentante eletto del centro-sinistra e legittimato dagli elettori. Come PSI  lo supporteremo nel suo ruolo di opposizione, portando avanti quel progetto che lui ha incarnato come candidato a Sindaco e che certo non è tramontato ma solo rimandato. Però, in linea con il documento approvato dall’ esecutivo provinciale del PSI, rileviamo che, nonostante il lusinghiero risultato personale di Roberto De Donatis, a Sora l’incredibile spaccatura avvenuta nel PD, con due candidati a Sindaco di questo partito, ha causato un esito disastroso per il centro-sinistra. Occorre ricostruire il centro-sinistra dalle fondamenta e a De Donatis, e quindi al PD, spetta l’onore e l’onore di questa missione. Noi ci saremo! A patto che il PD provinciale abbandoni definitivamente quella politica miope ed egemonica condannata dal documento dell’ Esecutivo provinciale del PSI. In caso contrario saremo costretti, anche qui a Sora, a valutare patti diversi e nuove alleanze.  Abbiamo atteso più di un mese per ringraziare le elettrici e gli elettori del PSI, in quanto era nostro desiderio attendere i primi passi della amministrazione Tersigni, soprattutto nella composizione della Giunta. Nostro malgrado constatiamo che, ancora una volta, è prevalsa la logica di premiare i mister preferenze (conta di più chi prende più voti), nominandoli assessori indipendentemente dalle loro specifiche competenze.

Rileviamo che il settore Servizi Sociali è stato mortificato, e con esso i cittadini che ne usufruiscono.  Ritenendo che non meritasse un assessorato, è stato declassato, erroneamente, a delega “minore”. Eppure  i Servizi Sociali , insieme al Cultura, sono settori che possono essere il fiore all’ occhiello di un’ amministrazione. Per questo motivo, il Partito Socialista chiede al Sindaco di affidare, al più presto, la delega ai Servizi Sociali ad un Assessore ( magari Di Carlo, visto che in Provincia gli è stata affidata questa delega, così fa filiera !!!). Sora ed sorani hanno bisogno al più presto di un Sindaco a tempo pieno, di un Vice-Sindaco e di un Assessore Provinciale sorano. Un Sindaco a tempo pieno perché non si può ricoprire, contemporaneamente, due importanti incarichi senza correre il rischio di essere poco presenti e poco efficienti . Un Vice – Sindaco, figura istituzionale ed operativa di importanza strategica, che affianchi il Sindaco e lo sostituisca in caso di assenza. Un Assessore Provinciale sorano perché alle ultime elezioni provinciali Sora premiò il PDL, nella speranza di avere il massimo: un proprio rappresentante nella Giunta Provinciale. Con le dimissioni di Tersigni, Sora rischia di avere il Max…imo. Per questo Sora, facendo di necessità virtù, si aspetta un Salvatore… il Meglio che oggi può ottenere. Infine due proposte operative: segnaliamo, perché più volte sollecitati dai residenti, che le strade della zona Chiesa Nuova, via Baiolardo e Barca San Domenico, strade d’ingresso alla città e quindi specchio della stessa, necessitano di una pulizia dalle erbacce infestanti e una manutenzione urgente dei marciapiedi e dei cassonetti dell’ immodizia e del Parco S. Domenico. Inoltre, proponiamo all’Assessore Petricca di prendere in seria considerazione la possibilità di svolgere alcune serate dell’ estate sorana all’ interno del suddetto parco, magari in concomitanza dei festeggiamenti del millenario di San Domenico.

Gianluca Paesano

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu