15 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 787 VOLTE

SORA – Petricca rullo compressore: “Da De Donatis solo insulti, attacchi personali e becera demagogia”

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma dell’Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Sora Andrea Petricca

<<In apertura vorrei subito tranquillizzare il consigliere De Donatis sul fatto che nessuno contravviene agli “ordini” dati dal Sindaco, in quanto la mia risposta era rivolta non a critiche  ma a fandonie dell’opposizione, infatti siamo alle solite! De Donatis non avendo argomentazioni valide da contrapporre a quelle addotte dal sottoscritto, come sua abitudine, elabora una risposta  intrisa di insulti ed attacchi personali che nulla hanno a che vedere  con la politica e l’amministrazione cittadina.

Ed allora il Consigliere di opposizione  si lascia andare a considerazioni  che secondo lui sarebbero ironiche ( fa ironia nello stesso modo in cui ha amministrato) dimostrando, per chi ancora non lo avesse compreso, tutto il suo stile. Ripropone, come un disco rotto,  la solita minestra riscaldata dei miei “passaggi politici” dimenticando per l’ennesima volta che prima di parlare degli altri meglio farebbe a guardare all’interno del suo “entourage”, tra i suoi fedelissimi, dove troverà senza alcuna difficoltà il più grande voltagabbana della storia politica della nostra città. Precisato ciò, rispondo per l’ultima volta a questo argomento e lo faccio riproponendo la stessa considerazione che ho fatto lo scorso 28 Gennaio: “La mia coerenza politica, e cioè la coerenza per il mio impegno per la “polis”, per la Città è sotto gli occhi di tutti , parlano i risultati: il sottoscritto è stato premiato per la terza volta consecutiva in dieci anni dagli elettori sorani con ben 275 preferenze personali che lo hanno collocato al 5° posto degli eletti , per numero di voti nella graduatoria elettorale  cittadina  del 2011. ”Altro che opportunistica storia politica, continui passaggi di schieramento… caro consigliere questo è stato il giudizio dei Sorani !”

Essere definito dall’ispirato De Donatis, ”un ulteriore errore di valutazione umana e politica fatto nella passata consiliatura” non rappresenta per me un’offesa ma anzi un vanto: non era, infatti,  mio costume ratificare a testa china gli ordini di scuderia che provenivano da 4 politicanti di sinistra estrazione ( la cui autoreferenzialità è stata premiata dalla buonafede del 15% dei Sorani), che hanno occupato per 5 anni la stanza dei bottoni, grazie anche alle candidature ed ai voti, richiesti in estenuanti riunioni, di ex militanti e di iscritti a La Destra di Francesco Storace e a Forza Italia di Berlusconiana memoria, e rinnegati con estremo disgusto, prima che il gallo cantasse, al terzo giorno dopo la vittoria..

Sulla mancata rappresentazione della “Passione vivente” ho espresso tutto il mio rammarico ed è certo che non essendo mai pervenuta al competente Assessorato alcuna richiesta da parte delle associazioni che curavano da anni questo evento,  ne’ io ne’ altri potevano sostituirci  alle stesse nella rappresentazione succitata, per cui al di la’ della becera demagogia di  De Donatis, devo ritenere l’argomento , almeno per quest’anno , chiuso. Vorrei invece sapere da De Donatis dove avrei dirottato i fondi previsti dalla passata amministrazione per la rappresentazione  succitata sperando che il consigliere sia , questa volta, preciso nel fornire  cifre, date  ed atti relativi a quanto afferma … nel caso contrario il consigliere ha perso l’ennesima occasione per tacere.

Sui mutui “elettorali” è stato detto  tutto, mi permetto di ricordare  che  la deliberazione consiliare  n. 13 del 18-03-2010, quella, per capirci, che attraverso un emendamento diede il parere favorevole all’accensione dei  mutui  suddetti,  ha avuto il mio voto contrario, e la relativa interrogazione consiliare, prodotta dallo scrivente,  non avendo mai avuta risposta dal buon Casinelli, è stata  inoltrata al Comando provinciale della Guardia di Finanza; questi sono i fatti , le chiacchiere stanno davvero a zero!

Sulla gestione dell’emergenza neve è opinione comune  riconoscere al  Sindaco Tersigni  la grande prova di efficienza dimostrata dalla macchina organizzativa coordinata dal primo cittadino, anche in questo caso  De Donatis più che denigrare l’operato altrui farebbe bene a meditare su quanto fatto dalla passata Amministrazione per la gestione  delle due emergenze delle alluvioni  del Fibreno e  del Liri, se lo ha dimenticato i residenti nelle zone interessate possono sicuramente dargli una mano a ricordare!>>

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu