mercoledì 8 novembre 2017

SORA – Vicenda Burgo: D’Andria non ammesso come parte civile

Prossima udienza fissata per il 30 Gennaio 2018. Cinque le persone coinvolte nella vicenda giudiziaria partita dall'esposto presentato da D'Andria.

«Emissioni irregolari di polveri nell’aria e gestione illecita dei rifiuti. Queste alcune delle contestazioni che hanno portato al rinvio a giudizio di tutti gli imputati finiti nell’inchiesta aperta sulla Burgo di Sora». Come riportato da Paola E. Polidoro su Ciociaria Editoriale Oggi. L’indagine è partita «dall’esposto presentato dal signor Maurizio D’Andria, rappresentato dall’avvocato Massimiliano Contucci, che aveva chiesto alla magistratura di verificare alcune presunte irregolarità».

Nella giornata di ieri il giudice «non ha ammesso la costituzione di parte civile dell’ambientalista poiché non sarebbe un diretto danneggiato». L’udienza è stata rinviata al 30 gennaio, giorno in cui si aprirà il dibattimento. Cinque le persone coinvolte nella vicenda giudiziaria, per il quale il giudice delle udienze preliminari di Cassino aveva disposto il rinvio a giudizio per reati diversi che vanno dall’abuso d’ufficio all’illecita trattazione dei rifiuti.

Commenti

Ordina per:   più recenti | più vecchi | più votati

Quando i 104 del procedimento civile mi hanno lasciato solo

Per il ricorso mi ci vorrebbe un bravo avvocato

Mando anche questo caso al CSM

wpDiscuz
Menu