venerdì 26 ottobre 2012

Taglio costi politica bocciato da Commissione Affari Regionali. Dipendenti Comune Arpino senza stipendio. Viva l’Italia… (di Lorenzo Mascolo)

Ieri (Giovedì 25 ndr), la Commissione bicamerale per gli Affari Regionali ha bocciato, il decreto sui tagli ai costi della politica di Regioni e Enti locali. Motivazione: è stato ritenuto “insufficiente l’impianto complessivo del provvedimento e di non piena compatibilità con le prescrizioni del Titolo V della Costituzione”. Traduzione per noi poveri mortali: vogliono continuare ad ingozzarsi e ce lo dicono tranquillamente in faccia, come se nulla fosse. Pertanto, la Regione Abruzzo che proprio pochi giorni fa ha eliminato il “listino” dalle elezioni regionali e ridotto il numero di consiglieri da 45 a 31, in realtà ha perso tempo. Così come il Friuli Venezia Giulia che proprio ieri, lo si legge da IlMessaggero.it, ha approvato con voto trasversale una legge che riduce del 50% i fondi a disposizione dei gruppi politici consiliari.

Rovesciando la medaglia ci trasferiamo ad Arpino, dove stamane la Cisl FP Frosinone ha deciso di convocare urgentemente il Commissario Prefettizio – in carica da qualche settimana, dopo la caduta dell’amministrazione Vano – in quanto sarebbe a rischio il pagamento degli stipendi ai dipendenti Comunali, che da quanto risulta leggendo la nota del sindacato devono ancora ricevere ben cinque mensilità arretrate.

Credo sia superfluo aggiungere commenti alle due notizie. Viva l’Italia…

Lorenzo Mascolo – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu